Dico la mia

L'IC A. Gabelli tra le 17 scuole siciliane premiate per le buone pratiche eTwinning

IC GabelliMartedì 10 dicembre 2019 l’IC A. Gabelli di Misterbianco ha partecipato alla seconda edizione dell’evento “Raccontami di eTwinning” per presentare presso l’ I.I.S. "G. D'Alessandro" di Bagheria (PA) “Rocketship 2: Fly Me to the Moon (EPI)”, progetto realizzato lo scorso anno scolastico dalla classe 3E della scuola secondaria di primo grado, in collaborazione con Collège Henri Brunet (Caen, Francia), ZŠ s MŠ Karola Rapoša (Brezno, Slovacchia), Collège Jacques Monod (Les Pennes-Mirabeau, Francia).

prof.ssa Licia Arcidiacono

Gesù di Nazaret - La nascita

PresepeSe chiedessimo al primo che passa quando è nato Gesù, con ogni probabilità ci risponderebbe che è nato il 25 dicembre dell’anno zero. Niente di più inverosimile. Intanto perché l’anno zero non esiste: esiste l’anno 1 avanti Cristo e l’anno 1 dopo Cristo, lo zero è solo il momento che divide i due anni. Sulla data di nascita, a mandarci fuori strada, è stato Dionigi il Piccolo, un monaco vissuto tra il V e il VI secolo che, basandosi su alcune indicazioni del capitolo 3 del vangelo di Luca, calcolò la nascita di Gesù nel 753, dalla fondazione di Roma e, da quel punto in poi, incominciò a contare gli anni della nostra era.

Pinuccio Puglisi

L'Estate di Arturo Sinossi a cura di Francesco Manna

L'Estate di ArturoIl libro racconta di un adolescente di nome  Arturo, che per un banale incidente stradale si ritrova ingessato e costretto sul letto di casa. L’unico svago, oltre allo studio per non perdere  l' anno scolastico, e all'amore  appena sbocciato, è rappresentato dalla finestra della sua stanza.

Pasqualino Longo

Una squallida operazione

Nino Di Guardo - MisterbiancoIeri, leggendo il giornale La Sicilia, ho appreso che i Commissari che in atto amministrano il Comune hanno revocato la determinazione con la quale avevo disposto l’intitolazione di una strada all’indimenticabile Nuccio Pinieri e che per questo atto avrebbero espresso soddisfazione e compiacimento i due deputati grillini locali che, strumentalmente e senza vergogna, continuano ad infangare il ricordo di un galantuomo e di un grande lavoratore solo perché cognato di un boss mafioso. Ma tu riposa in pace, carissimo Nuccio, la tua dignità non può essere scalfita da questi squallidi politicanti da strapazzo!

Nino Di Guardo

Cronache misterbianchesi del 1669. Demolizione e ricostruzione, ma chi paga?

Ragazzo fortunatoLa demolizione non è quella del chiosco di Lineri, giunto alla ribalta della cronaca nera a seguito dell’indagine giudiziaria su mafia e politica a Misterbianco. No, qui si parla di demolizioni ben più antiche e provocate dalla distruttiva colata del 1669, quando la lava ricoprì buona parte dell’antico paese e il nuovo nacque a pochi chilometri di distanza. La data di inizio è il 24 novembre 1670, quando i Trigona sborsano oltre 500 onze per acquistare il territorio (rivalendosi poi della spesa fatta).

Francesca Lo Faro
metroct.it
22/11/2019

Via Sicilia come Via Turi Scordo. Cittadini prigionieri in casa

Via SiciliaL'acqua nei giorni di pioggia arriva fino a metà portone.
I disagi che i residenti subiscono pare siano imputabili alla mancata manutenzione dei tombini, stracolmi di detriti e tappati fino all'orlo, impedendo così il deflusso delle acque piovane.

Il Presidente del Comitato cittadino
La voce di Misterbianco
Giusi Letizia Percipalle

La questione "periferia di Misterbianco e le infiltrazioni mafiose"

NoMafiaLa relazione del Prefetto sulle infiltrazioni mafiose nell'amministrazione Comunale di Misterbianco, indica, implicitamente, il quartiere di Lineri come una sorte di fortino ad uso della mafia. Una zona franca, creata, per non disturbare i “manovali” dei capi bastone.

Fichera Vito

Uno scatto d'orgoglio

MisterbiancoRaramente in questi anni sono intervenuto nel dibattito politico locale, pur seguendolo con grande interesse. E questo in ossequioso rispetto del ruolo ricoperto fino a un anno fa all’interno del mondo del volontariato, mai schierato politicamente, ma sempre attento alla tutela degli interessi della comunità da noi servita, della nostra Misterbianco.

Giovanni Giuffrida
facebook.com/giovanni.giuffrida.54
03/11/2019

Risposta alla lettera aperta dell'avvocato Enzo Guarnera

Nino Di GuardoCaro Enzo, appunto perché mi conosci da trent’anni, avresti potuto con serenità guardare da un’altra angolazione a questa triste storia che ha colpito la mia comunità.
Con il mio lungo impegno alla guida di Misterbianco, impegno che, stante la relazione del Ministro, il Prefetto ha stigmatizzato, il mio comune è divenuto uno dei più virtuosi e all’avanguardia della Sicilia.
E, come tu sai, la mafia si combatte con i fatti e non con le parole e, per un amministratore pubblico, questi si sostanziano nell’esempio e nel buongoverno.

Nino Di Guardo
facebook.com/NinoDiGuardoSindacoperMisterbianco
06/11/2019

Pagine

Abbonamento a Dico la mia