Discarica

Relazione interna boccia la discarica Valanghe d'Inverno, M5s: "Musumeci revochi la concessione"

Le deputate regionali del Movimento Cinque Stelle, Jose Marano e Gianina Ciancio, chiedono il blocco delle autorizzazioni sinora concesse alla discarica Oikos e il ripristino dei luoghi attraverso una bonifica ambientale. L’intervento delle deputate segue la relazione della commissione tecnica della Regione redatta in merito alle autorizzazioni ambientali concesse per la discarica di Valanghe d’Inverno.

lasicilia.it
17/11/2020

Commissione parlamentare d’inchiesta Sopralluogo alla discarica Oikos

La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie) ha concluso i sopralluoghi nella provincia di Catania. La delegazione della Commissione, guidata dal vicepresidente Luca Briziarelli (Lega) e composta anche dal senatore Fabrizio Trentacoste (M5S) e dalla deputata Caterina Licatini (M5S), accompagnata dai Carabinieri Noe, questa mattina ha svolto un sopralluogo alla discarica di Motta Sant’Anastasia, gestita dalla società Oikos.

livesicilia.it
01/10/2020

Royalties Oikos, accordo transattivo. Chiesto il "ritiro in autotutela"

MOTTA SANT’ANASTASIA – Doveva forse rimanere chiuso in un cassetto del comune di Motta Sant’Anastasia. Senza alcuna diffusione. Ma, nonostante la dicitura ‘riservato e confidenziale’ il contenuto dell’accordo stipulato in un caldo 18 agosto 2020 tra l’amministrazione comunale e la Oikos sulle royalties che il gestore della discarica deve all’ente è arrivato nelle mani di cinque consiglieri comunali d’opposizione che ora chiedono il ‘ritiro in autotutela’. È invece convinto della strada intrapresa, il sindaco Anastasio Carrà in quanto la transazione porta “liquidità immediate” al Comune.

livesicilia.it
29/09/2020

La "puzza" incessante: Da Motta e Misterbianco una "raffica" di segnalazioni al sistema informatico regionale "Nose"

Anche per le alte temperature e secondo il vento, continua purtroppo incessante il fenomeno della “puzza” - in varie ore del giorno e della sera - sui due centri abitati etnei vicini alle discariche, oltre che a Sigonella, da dove provengono fino a ieri messaggi di “aria irrespirabile”. A volte odore di bruciato, ma soprattutto miasmi nauseabondi tipici di fogna e spazzatura, che esasperano tanta gente costretta perfino a chiudere balconi e finestre, in un’area complessiva di circa 70 mila abitanti penalizzata da anni quasi senza soste. Una situazione che non può perpetuarsi ulteriormente senza i necessari rimedi.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
27/08/2020

L'ARPA e il CNR presentano a Motta l'applicazione "Nose" per la segnalazione informatica delle molestie olfattive

NoseL’avevano chiesto da tempo a gran voce i Comitati No discarica e gli ambientalisti, e la Commissione straordinaria di Misterbianco se n’era fatta portavoce. Ed ecco realizzarsi in un cinema di Motta S. Anastasia - in sinergia fra pubblico e privato - l’atteso incontro tecnico illustrativo sull’app “Nose”, il progetto realizzato dall’Arpa con il Cnr (Consiglio nazionale delle Ricerche) e l’Isac (Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima) per ricevere le segnalazioni anonime e georeferenziate sulle “molestie olfattive” nelle aree ad elevato rischio ambientale; un progetto partito dalle aree petrolchimiche del Siracusano e di Milazzo ed esteso da fine gennaio a quelle di Catania, Misterbianco e Motta S.A. interessate dalle discariche, ma ancora poco conosciuto e utilizzato dalla popolazione etnea.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
01/08/2020

Sulla "revisione" dell'autorizzazione a Valanghe d'inverno, Comitati No discarica e Associazioni diffidano la Regione: Cambiate il "verificatore" incompatibile, non può controllare se stesso

No discaricaAl tempo del coronavirus, anche i Comitati No discarica di Misterbianco e Motta S. Anastasia, con i propri legali, sono costretti alla loro prima videoconferenza stampa in streaming serale dalle singole abitazioni. Confermando che impegno e vigilanza non possono fermarsi di fronte al dramma e al distanziamento forzato in atto. Anna Bonforte e Massimo La Piana, con Maria Caruso, e gli avvocati Corrado Giuliano, Nicola Giudice e Goffredo D’Antona - anche a nome delle associazioni “Zero Waste Sicilia” e “Legambiente” - ci tengono a fare il punto della situazione e a informare sulle iniziative adottate e quelle successive, in merito alla perenne “questione rifiuti” e alla megadiscarica di Valanghe d’Inverno; una “battaglia civile” senza fine intrapresa ormai da un decennio.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
23/04/2020

Pagine

Abbonamento a Discarica