Ritorna il "Festival della Complessità", per ora frenato dall'emergenza sanitaria

Versione stampabileVersione stampabile

Festival della ComplessitàConsolidando una recente tradizione, Misterbianco pure quest’anno sarà in prima fila nella “rete” di Comuni italiani aderenti all’11° “Festival della Complessità”, la cui edizione 2020 comprende la provincia di Catania.

La manifestazione nazionale intende coinvolgere persone, associazioni, movimenti, scuole ed Enti locali sul “fare cultura” e sul “pensiero sistemico”, con iniziative su svariati temi come la percezione, la molteplicità, la pace, l’umanità, la scienza, la salute, la storia, la gestione non violenta dei conflitti. Per educare a una buona conoscenza dei vari aspetti di sè, sulla percezione delle emozioni e la comprensione, sulle “visioni di genere” e gli stereotipi, sull’inclusione, sulla complessità del nostro territorio. Con la scuola protagonista, «per porsi domande, esplorare oltre il “semplice”, guardare alla molteplicità dentro e fuori di noi, maturare consapevolezza, attivare un diverso sguardo da scambiare con ragazzi e ragazze che chiedono strumenti per comprendere e agire».

Un fitto calendario di iniziative per il 2020, il cui programma iniziale si sviluppava da marzo a ottobre, e che ora sarà purtroppo costretto a rivedere le sue date a seguito dell’emergenza sanitaria e della chiusura delle scuole. Aderenti nella provincia etnea l’Udi (con lo slogan “Otto marzo tutto l’anno”), il Movi, il Cope, il Dipartimento Scienze umanistiche dell’Università e diverse scuole medie e superiori. Si doveva partire il 5 marzo dall’Istituto De Felice di Catania con il tema “Pennellate di giallo e di rosso”, ora si vedrà.

Nell’ultima edizione, a Misterbianco si erano svolte svariate iniziative collettive in sinergia con il Comune. Quest’anno, a maggio, se tutto andrà bene, parteciperanno gli Istituti comprensivi Leonardo da Vinci (con “I rischi della percezione”), Pitagora (“Aperta-Mente”) e Padre Pio da Pietrelcina (“Conflitto e identità”).

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
05/03/2020

tags: