Parte la progettazione per adeguare il depuratore di Misterbianco

Versione stampabileVersione stampabile

Depuratore - MisterbiancoAl via le attività che saranno svolte da un raggruppamento di professionisti, per un importo di 976 mila euro, comprensivo anche della successiva direzione lavori e coordinamento della sicurezza.

È partita la progettazione per l’adeguamento del depuratore consortile di Misterbianco, in provincia di Catania. La Struttura del Commissario Straordinario Unico per la Depurazione Maurizio Giugni il 3 settembre scorso ha dato avvio alle attività che saranno svolte da un raggruppamento di professionisti, per un importo di 976 mila euro (comprensivo anche della successiva direzione lavori e coordinamento della sicurezza) e una durata prevista di 3 mesi.

L’intervento di Misterbianco rappresenta, per impatto sul territorio e importo economico, una delle più rilevanti azioni previste per l’uscita dell’Italia dalla procedura d’infrazione per il cattivo trattamento delle acque reflue in aree urbane, per la quale il Paese è stato condannato dalla Corte di Giustizia europea (C-565/10) al pagamento di una sanzione pecuniaria: sono infatti oltre 200 milioni i fondi stanziati da delibera Cipe per realizzare la rete fognaria e costruire uno degli impianti a maggior potenzialità e tecnologia nell’ambito siciliano.

L’adeguamento e potenziamento del depuratore consortile consentirà di trattare i reflui di oltre duecentomila abitanti equivalenti e coprire, oltre a Misterbianco, anche i comuni di Belpasso, Camporotondo Etneo, Gravina di Catania, Mascalucia, Nicolosi, Pedara, San Pietro Clarenza, Trecastagni, Tremestieri Etneo, il quartiere San Giovanni Galermo di Catania.

catanianews.it
05/09/2020

tags: