Quando la solidarietà supera le barriere

Versione stampabileVersione stampabile

Fratres MisterbiancoSono state 26 le sacche per l’Ospedale, più alcuni prelievi pre-donazioni. Una domenica mattina particolare, a Misterbianco, dove si è svolta la prima delle tre raccolte di sangue organizzate in agosto – periodo di emergenza assoluta - per i bambini talassemici e le altre necessità trasfusionali ospedaliere.

Una bella e significativa risposta, che deve avere un seguito. E’ stato recepito l’appello-invito del Gruppo di donatori volontari Fratres “Gabriella” di Misterbianco – impegnato dal 1981 e tra i più funzionali sul territorio meridionale con circa 800 donazioni annue – che presso il proprio Centro fisso abilitato “Maria Caruso” ha accolto stavolta assieme agli altri donatori anche gli amministratori locali, uniti nella solidarietà.

Tra i donatori, il vicesindaco Marco Corsaro, l’assessore Federico Lupo, il consigliere Vito Santapaola, il presidente del Consiglio comunale Nino Marchese ed il vicepresidente Matteo Marchese. Testimonial d’eccezione, il ballerino Raimondo Todaro; e con lui, la folk singer Cinzia Sciuto ed il segretario regionale dei pensionati Cisl Alfio Giulio.

Almeno per quest’occasione, la solidarietà ha superato le barriere ideologiche e politiche, attorno ai bisogni dei sofferenti. Ci si augura che l’informazione e la necessaria educazione sociosanitaria contribuiscano a sensibilizzare la comunità e far crescere la cultura del dono ancor oggi purtroppo carente al sud. Un’esperienza da ripetere, coinvolgendo possibilmente ogni fascia della cittadinanza, a partire dalle scuole ed associazioni. Le prossime raccolte a Misterbianco si effettueranno il 22 ed il 30 agosto.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
11/08/2015

tags: