Nota Attiva Misterbianco su Bilancio Partecipativo....scelgano i cittadini

Versione stampabileVersione stampabile

Attiva MisterbiancoIn sintesi chiediamo sospensione del voto, audizione in commissione dei proponenti dei progetti che non hanno capito, riammissione dei progetti che non siano escludibili per motivi tecnici....

“Naturalmente auspichiamo che, salvo le proposte che tecnicamente/esecutivamente non è possibile realizzare, il vero vaglio "politico" sia lasciato interamente nelle mani della votazione popolare, di cui manca però un regolamento attuativo che definisca tempi e modalità del voto che salvaguardino la sua univocità/unicità.”

Così scrivevamo appena lo scorso 04/08/2017 dopo aver ribadito che l’associazione Attiva Misterbianco si riaccostava a depositare le proposte per il bilancio partecipativo, disertato proprio lo scorso anno, rassicurati che ci fossero, finalmente, le condizioni per poter di nuovo presentarle, soprattutto per i meccanismi di selezione finale affidati al web e dunque ad una vera campagna di partecipazione popolare, dopo il doppio vaglio di esecutività delle singole proposte a cura dei dipartimenti comunali e della giunta per la compatibilità con il loro programma politico.

Ci rammarica constatare che purtroppo la risposta da parte del Comune non è stata all'altezza dell'impegno profuso dalle tante associazioni e dai singoli cittadini per l'elaborazione di progetti per Misterbianco, dettagliati e coerenti con le normative vigenti. In particolar modo contestiamo la non pubblicizzazione dei criteri di selezione, per cui non risultano chiari i motivi d'esclusione così come quelli di inclusione fra gli otto progetti scelti per il voto on-line da parte dei cittadini.

Per assurdo risultano promossi al voto elettronico progetti dai costi indefiniti ed esclusi alcuni che erano stati doviziosamente dettagliati dai proponenti con l'ammontare esatto dei costi di realizzazione, fatto salvo, proprio per alcuni dei progetti presentati da Attiva Misterbianco, quelli che noi stessi avevamo preventivato che non sarebbero stati accolti per “incapienza del budget più alto” che avevamo sforato consapevoli di voler comunque “donare” il nostro progetto alla collettività, come nel caso del progetto E.M.A.S. di bike sharing elettrico.

Esistono pertanto due tipi di problemi che riguardano la scelta fatta dal Comune.
Il primo è un problema di legittimità.
Il progetto che non riporta l'ammontare della spesa, neanche come stima prevista dall’art. 4 dell’avviso, non rientra fra i requisiti minimi richiesti e quindi non avrebbe dovuto essere incluso fra quelli "cantierabili".

Il secondo è di trasparenza.
Non sono stati enunciati i criteri che giustificano la scelta di solo otto progetti su 37 e l'esclusione degli altri ventotto ( il 29esimo è quello fuori budget…) dall' opportunità del voto on-line.

Ci soccorre in tal senso la delibera di giunta n.ro 190 del 05/09/2017 che semplicemente elenca le proposte presentate e poi le separa tra quelle ammesse e non ammesse e tra queste ultime l’esclusione del baratto amministrativo, non ci sorprende.

Ormai abbiamo capito che ci sono criticità nell’accettare la proposta, ma scoprire dalla “sintesi” riportata nella delibera ( pag 11 di 17) che non è stata neppure letta, ci ha interdetti: la proposta prot. 41264/2017 riporta infatti la descrizione contenuta nella cronistoria di quanto già presentato nel 2015 ed il relativo titolo, quando ancora il baratto riguardava i debiti “pregressi”! Mentre noi quest’anno, alla luce delle ultime letture delle sentenze delle Corti dei Conti di cui avevamo presentato gli allegati integrali, chiaramente, riproponiamo il baratto amministrativo, che è di difficile attuazione per i debiti “pregressi”, per fornire alla comunità uno strumento che agevola socialità e cura del territorio a fronte di sconti ed esenzioni da inserire nel bilancio preventivo su imposte future.

Insomma i funzionari del comune non hanno neanche letto per intero la proposta per sintetizzarne il contenuto con l’incipit della cronistoria della proposta precedente che semplicemente richiamavamo proprio per distinguerla ed aggiornarla chiedendone l’approvazione in via sperimentale.

Il voto on line andrebbe, invero, sospeso e non solo postergato come già deciso fino al 19/09, non tanto alla luce delle incresciose difficoltà che parecchi cittadini hanno incontrato e stanno incontrando per registrarsi nel portale del Comune, ma soprattutto per riprenderlo una volta “revisionate” le scelte dei progetti solo in base al criterio della intrinseca fattibilità dentro il budget previsto, lasciando ai cittadini e alle cittadine la scelta della valutazione di cosa preferiscano, invece che escludere a monte con poco chiare motivazioni politiche.

Infatti, non crediamo siano stati presentati progetti avversi alle priorità programmatiche di questa o di qualunque amministrazione, mentre crediamo fermamente che lasciare sul campo delle opzioni “votabili” solo i progetti di piccola o piccolissima realizzazione non sia degno di un meccanismo, anche abbastanza farraginoso, che non è certo stato pensato per coinvolgere i cittadini per dargli la possibilità di “spendere” poco meno di 500,00 euro per attrezzature per il campo sportivo V. Mazzola ( attenzione, ci accingiamo a votarla in massa la proposta…non abbiamo nulla da eccepire che ognuno abbia interpretato l’avviso pubblico in questo senso più spicciolo!).

Si rendano pubblici i criteri che sono adottati per la loro valutazione, e se necessario la commissione dei funzionari comunali chiami in audizione i soggetti promotori delle istanze di cui magari non ha colto la effettiva portata, Attiva Misterbianco vigilerà su tutto l'iter del Bilancio Partecipato, perché questo strumento, unica finestra di partecipazione attiva dei cittadini, non venga snaturato e banalizzato né dalle vecchie logiche di spartizione politica, né, ahimè, da valutazioni al ribasso che diano il contentino al progetto più povero, più semplice da realizzare, perché metterlo a gara con quello più oneroso può risultare più impegnativo dal punto di vista dell’iter burocratico e che, almeno, sia il popolo a scegliere Barabba, purché accanto ci sia anche un altro Cristo.

Attiva Misterbianco

tags: