Nella 'Repubblica Indipendente' di Misterbianco dissuasori mangia & bevi. E l’opposizione? Non vede, non sente, non parla…

Versione stampabileVersione stampabile

DissuasoriDobbiamo, ancora una volta, occuparci del Comune di Misterbianco. La scorsa settimana abbiamo parlato deliberazione della Giunta comunale di questo grosso centro alle porte di Catania, adottata malgrado i pareri sfavorevoli del dirigente del settore e del Segretario generale. Oggi parliamo di forniture.

Di scena i burocratici che, secondo i poteri che la legge conferisce loro, possono procedere all’acquisto e alla conseguente liquidazione delle forniture. Abbiamo esaminato cinque determinazioni Dirigenziali di settore che spaziano dal 5 luglio 2012 al tre maggio 2013, per una spesa complessiva di 34 mila e 578 euro, col 75% della stessa spesa, pari a poco più di 24 mia euro, concentrata in poco più di cinque mesi, dal 5 luglio al 19 dicembre 2012.

Il settore è l’ottavo per il servizio Ufficio Traffico Urbano (UTU). La fornitura riguarda l’acquisto di paletti dissuasori di sosta in ferro tubolare. Tutto la documentazione da noi consultata, è disponibile sul web digitando Cosentino S. Schillaci P. che è la ditta aggiudicataria, sul sito del Comune di Misterbianco.

Leggiamo nelle premesse per giustificare l’acquisto, quasi un ritornello, identico in tutte le determinazioni che “è stata accertata la necessità di provvedere con urgenza all’acquisto di paletti…”. Ovvero qualcuno dell’amministrazione comunale, improvvisamente, si è accorto che a Misterbianco, senza paletti dissuasori, non si poteva disciplinare la sosta ‘selvaggia’.

Non crediamo ai nostri occhi, ce li stropicciamo ipotizzando che la lettura sul monitor ci trasformi le lucciole in lanterne, ma non è così. Ci accorgiamo che il dirigente responsabile del settore ignora un elemento normativo essenziale. Quale?

Nessun componente dell’amministrazione Comunale: Sindaco, assessori o consiglieri può richiedere quel genere di fornitura! Perché? Semplice: tutto quanto riguarda il traffico veicolare di un Comune deve essere pensato e progettato all’interno di un piano che prende il nome di Piano Generale del Traffico ( PGT)!

Il PGT dopo che è stato completato in ogni sua parte, per essere operativo, deve avere l’approvazione del Consesso comunale.

Il Piano Generale del Traffico non è stato approvato dal Consiglio comunale di Misterbianco, pertanto il dirigente del settore ottavo del Comune ingegnere Vincenzo Orlando, non è legittimato a procedere all’acquisto di paletti dissuasori, in assenza della prescritta autorizzazione.

Ma c’è di più! Non solo il Dirigente non ha la legittimazione di legge per l’acquisto, ma addirittura, ‘leggendo’ in modo ‘creativo’ la norma, art. 125 comma 11 del decreto legislativo n. 285 del 2006, procede all’affidamento diretto in favore di una singola ditta, sempre la stessa, frazionando e spezzettando artatamente la fornitura come illustrato precedentemente sopra.

Potrebbe bastare quanto a violazioni, ma non è così. Infatti il dirigente, omettendo di assegnare alla fornitura il codice identificativo gara (Cig ) da richiedere all’Autorità Vigilanza Contratti (AVC) fa risparmiare alla ditta aggiudicataria la tassa a percentuale fissa che la stessa avrebbe dovuto versare all’autorità per il solo fatto di essersi aggiudicata la fornitura.

Di fatto, di certo inconsapevolmente, rischia di diventare complice della totale evasione di una tassa dovuta allo Stato!

Ricapitolando, le determinazioni del dirigente dell’ottavo settore, ingegnere Vincenzo Orlando, del Comune di Misterbianco numeri: 1367, 1467 e 2656 del 2012, nonché 397 e 1019 del 2013 sono piuttosto, come dire?, disinvolte. Ovviamente, chi ha fatto questo non ha lontanamente pensato che tutto ciò potrebbe lasciare configurare ‘piccoli’ reati: abuso d’ufficio, artificioso raggiro della norma comunitaria col frazionamento e, dulcis in fundo, evasione fiscale.

Noi ne abbiamo visionato appena cinque, di determinazioni, riscontrandole tutte viziate. Non osiamo pensare le conseguenze catastrofiche per le ‘casse’ Comunali se anche tutte le altre migliaia seguissero la stessa sorte.

Sorge spontaneo chiedersi: ma Misterbianco è amministrata da un mono colore PD con opposizione inesistente? E in ogni caso tutti gli amministratori che i cittadini di Misterbianco hanno eletto che aspettano a guadagnarsi la diaria esercitando le funzioni di controllo dell’attività amministrativa previste dalla legge?

Ignazio De Luca
linksicilia.it
31/10/2013

tags: 

Commenti

Vorrei solo dire che l

Vorrei solo dire che l’opposizione ha più volte con interpellanze e richieste in consiglio comunale, chiesto lumi. Ma l’Amministrazione ed il Sindaco, a riguardo non rispondono. A supporto della vostra analisi, non ci resta che mandare gli atti alla corte dei conti, gestualita’ che non appartengono ai moderati, ma a quanto pare con certi atteggiamenti politici, da parte di questa amministrazione, non resta che ricorrere agli organi di competenza. Un appunto, non di poco rilievo: pregasi di verificare, prima di giungere a determinate conclusioni; l' opposizione, c' e', vigila, sente, scrive, parla, critica e propone.

Marco Corsaro.

Non vorrei sembrare pedante

Non vorrei sembrare pedante al Sig. Marco Corsaro, ma il rilievo glielo bumerango. Prima la delibera di addetto stampa dopo la determina dei paletti dissuasori, hanno avuto, mediamente, centinaia di accessi di lettura, su Misterbianco.com, segno inconfutabile che migliaia di Misterbianchesi non erano stati abbastanza edotti e informati ! Del resto l'opposizione, perché remora e tardivamente " ricorre agli organi di competenza " ? Ha forse bisogno di essere pungolata da articoli di stampa? O no?

Ignazio De Luca

Ringraziando il sig. De Luca

Ringraziando il sig. De Luca per le lezioni di buon comportamento amministrativo che elargisce, vorremmo invitare i consiglieri comunali a prendere lezioni private dallo stesso piuttosto che andare in missione a Firenze scopo ...bighellonare. I paletti mostruosi sono stati al centro delle nostre critiche fin dall inizio della posatura e continuano ad esserlo specie quando non sono assolutamente necessari come in fondo alla via S. Giuseppe. Adesso si apprende che sono anche abusivi  e al solito il consiglio dorme sonni beati e si interessa solo di aria fritta. Se qualche consigliere di buona volontà si volesse distinguere questa occasione mi sembra ghiotta anche per la procura della repubblica.

Enzo Messina

Comunico che il suo

Comunico che il suo interesse e' lodevole, ma il suo boomerang non è arrivato. Accessi o no, la cosa più importante e' sempre il bene comune, può anche scrivere 1000 articoli o fare da pungolo per chi vuole, ma forse mi sono spiegato male. Il problema e' colui che continua a far da padre padrone; non e' bello, o propositivo, arrivare a scrivere alla procura o segnalare alla corte dei conti; si innesca un meccanismo basato su personale e non sull'amore della propria città. Se solo venisse in consiglio, si accorgerebbe che esiste una seria opposizione. E come vede, scrive pure... concludo dicendo che questo paese, ha seriamente bisogno di pacificazione politica, e non di colpi di procura o cotte dei conti, di certo, noto che, ahimè, poco si conosce della miriade di proposte, battaglie ed osservazioni che produce la vera opposizione, su questo, sara' mia premura far conoscere leggere e sentire sempre, ad ogni rintocco, l'altra campana.

Marco Corsaro

Egregio Consigliere Corsaro,

Egregio Consigliere Corsaro, palpabile, traspare dalle Sue note, l'impotenza amministrativa di un Consigliere d'opposizione, ma gli strumenti sono veramente pochi e per niente efficaci. Di Guardo, come del resto gli altri Sindaci "eletti dal popolo" si sentono dei novelli Podestà, e non c'è niente da fare, se non ricorrere agli organi esterni. Questa è la situazione che si è venuta a creare con la nuova normativa c'è poco da recriminare.

Comunque Le suggerisco anche di inviare gli atti che ritiene illegittimi, all'osservatorio Regionale Enti locali, chissà ..prima o poi qualche denuncia dovranno prenderla in considerazione. Con stima.

Ignazio De Luca

P.S. Stiano Tranquilli coloro che non mi hanno molto in simpatia per le cose che scrivo, nelle prossime settimane mi occuperò  di atti dell'amministrazione Bianco e... sarò impegnatissimo ed esclusivo Cordiali saluti a tutti i Misterbianchesi che mi leggono e .. a presto ..tranne fatti eclatanti (leggi rifiuti)

io la penso come Marco

io la penso come Marco Corsaro, ci sono gli organi competenti per controllare l'operato della giunta. e il consiglio è quello più importante. È altresì vero che se si estendessero i poteri della magistratura ordinaria alla corte dei conti l'Italia cambierebbe in meglio...

Pietro Santagati

Caro Pietro lascia perdere il

Caro Pietro lascia perdere il controllo del Consiglio, quando parla un segretario comunale, e dà dei consigli, bisogna avere l'umiltà e l'intelligenza di ascoltare i suoi pareri. Ricordiamoci che il segretario comunale è un esperto di atti amministrativi, leggi e quant'altro. Per il resto se ci sono dubbi e sufficienti prove al riguardo basta fare una denuncia o un esposto presso la Procura della Repubblica e si mette in moto l'attività investigativa acquisizione di atti ect.

Pasqualino Longo

Ok, per me va bene. allora

Ok, per me va bene. allora aboliamo i consigli comunali e istituiamo la figura del Magistrato Comunale. Lo strapaghiamo, perchè poverino dovrebbe controllare se i nostri sindaci rispettano migliaia di leggi e regole (spesso assurde e contraddittorie vedi legge di stabilità, il problema della burocrazia in Italia non lo stiamo scoprendo adesso...). Sai che risate, ci sarebbe un solo problema, nessuno vorrebbe fare più il sindaco dato che il 99% di essi sarebbero in galera o rovinati economicamente...

Tornando seri, scrivo anche la mia soluzione. I sindaci (e non solo) devono essere in grado di lavorare, non devono essere soffocati dalle leggi che devono essere poche, chiare, e non in contraddizione. Parimenti si devono aumentare le pene per i reati amministrativi e si deve dare alla Corte dei Conti il potere della magistratura ordinaria. Solo così si può riuscire a distinguere i "buoni" dai "cattivi".

Per quanto riguarda il consiglio, qui la responsabilità è tutta nostra. Se abbiamo eletto dei rappresentanti che non fanno bene il proprio mestiere non è colpa dell'istituzione ma delle persone che la compongono.

"basta fare una denuncia o un esposto presso la Procura della Repubblica e si mette in moto l'attività investigativa acquisizione di atti ect."

Stiamo attenti, due legislature fa l'ex sindaco Caruso, certa delle sue ragioni e per il bene del paese si è rivolta alla magistratura. Morale della favola: processo decennale, tutti assolti (Giunta Di Guardo 96'), e pagamento spese processuali a carico del comune o meglio dei cittadini...

fonte:
www.misterbianco.com/assolti-di-guardo-e-giunta-del-96
www.misterbianco.com/assolto-ex-sindaco-di-guardo

Pietro Santagati

Pagine