Misterbianco, mercoledì 22 dicembre, ore 16.30, stabilimento Monaco

Versione stampabileVersione stampabile

FemminicidioSi sta pensando a un primo incontro operativo di avvio, tra promotrici e promotori della rete per mettere a sistema azioni concrete contro la complessità della violenza e del femminicidio.

Seguirà un calendario di iniziative aperte e di azioni, compatibili con le festività.

Genny Cantarero è stata uccisa, qui, in mezzo a noi, a Misterbianco. Alla giovane, che lascia una bimba, si è sparato in volto. Ora è stato trovato morto anche l’uomo con cui la ragazza aveva una relazione. Pare sia ancora un femminicidio, da guardare nei suoi molteplici aspetti.
L’orrore profondo ci mobilita ad avviare azioni non improvvisate e non di facciata.
Ieri, nei luoghi del delitto, si è svolta una fiaccolata contro la violenza, promossa dall’Amministrazione Comunale, perché la città si stringesse intorno a questa vita spezzata e ai suoi affetti.

Ma c’è, sempre più, l’urgenza di mettere a sistema azioni concrete contro tutte le violenze e le continue stragi di donne, con le loro sfaccettature, perché ognuna/o faccia la sua parte.
Da gruppi di donne è stato, subito, lanciato un appello, a cui hanno già risposto e stanno rispondendo tante realtà di donne e di uomini. Di uomini, appunto, che è importantissimo si mobilitino. È una rete che cresce, per individuare e attuare azioni che abbiano senso e possibile efficacia. Un percorso difficile, che deve essere non episodico. E lontano dalla retorica.

E’ importante che le forze politiche del territorio non agiscano separatamente dalla società civile e si mettano in sinergia e in ascolto; ne hanno già dichiarato la volontà: Attiva Misterbianco e Partito Democratico; siamo certe/certi che lo faranno anche altre forze.

E pare di vedere questa volontà, nel fatto che, per Giovedì 16 Dicembre, è stato convocato un Consiglio Comunale aperto.
Sappiamo che non si parte da zero; Misterbianco ferita, negli anni passati, ha già messo in atto una rete, iniziative forti nelle scuole, mobilitazione della Comunità. Si parte da lì, si va avanti, si cresce in saperi e azioni e si supera l'ottica dell'emergenza.

Finora, da Misterbianco hanno aderito: Cerchio delle donne – Agorà - Assessorato Solidarietà sociale, Istruzione, Pari Opportunità - Auser - Centro Studi Psicologia Funzionale - Consultorio A.Lo Certo - Comitato No Discarica – Fidapa - Libera, presidio Don Pino Puglisi - Libera per tutti, Bottequa – Makeba - Marianella Garcia - Osservatorio della legalità (da rinnovare con la nuova amministrazione) - SPI CGIL di Lineri - Toponomastica Femminile - UCIIM.

Abbiamo anche l’adesione da: Città Felice - Comitato popolare Antico Corso - Coordinamento donne CGIL – Femmistorie - FNISM-Catania - Iniziativa Femminista - Memoria e Futuro - Promozione per la famiglia "Don Luigi Luggisi", Paternò - Rete antiviolenza La Ragna-Tela – Sunia - UDI.

Josè Calabrò

tags: