Misterbianco: Lo straordinario "Presepe vivente" dei piccoli delle elementari

Versione stampabileVersione stampabile

Presepe 2018«Abbiamo voluto regalare ai nostri alunni, alle famiglie e a tutti noi un'emozione forte e significativa: vivere il Natale, interpretarlo, costruirlo. Le sinergie positive del lavoro collettivo sul territorio (famiglie, scuola, comune, associazioni e piccoli imprenditori) danno i loro frutti, regalando un momento magico al paese. Vedere la gioia dei nostri alunni non ha prezzo». La soddisfazione della scuola promotrice è davvero grande.

Tra le novità più belle di quest’anno, il “Presepe vivente” serale dei piccoli dell’Istituto Leonardo da Vinci fino alla Chiesa Madre di Misterbianco. Un altro esempio significativo di straordinario impegno corale entusiasta e vincente, con il sostegno del Settore “Grandi eventi” del Comune, che per tre giorni ha coinvolto direttamente oltre 120 personaggi in costume dell’epoca tra alunni, genitori e insegnanti lungo la via Giordano Bruno nella sapiente e toccante rievocazione della Natività. Dalla sacra famiglia ai Re Magi, alla processione dei “poveri” rappresentanti dei vari mestieri che portavano in dono ciò che potevano; il bue e l’asinello, i cavalli e altri piccoli animali; e le varie botteghe artigiane coi bambini figuranti “al lavoro”. Con suggestivi suoni, canti e cori natalizi ad arricchire il tutto, attorno alla luminosa stella gigante col quarto di luna nella piazza, creando un’atmosfera magica e coinvolgente, con la garbata descrizione al pubblico del prof. Filippo Scuderi e la collaborazione dell’associazione “Papaveri e papere” e di alcuni generosi sponsor.

Unanimi i consensi, evidente l’apprezzamento degli spettatori, e meritati elogi e ringraziamenti finali per tutti, dalla dirigente scolastica Caterina Lo Faro e dal sindaco Nino Di Guardo, a sottolineare l’impegno e la partecipazione profusi per l’ennesimo evento arricchente della comunità locale in tempi sempre più bisognevoli di pace dell’anima e di valori perduti.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
22/12/2018

tags: