Misterbianco: "Diamoci una mano". La 2° Festa del volontariato e della solidarietà

Versione stampabileVersione stampabile

Festa della SolidarietàVa verso la sua festosa conclusione la seconda edizione della “Festa della solidarietà e del volontariato”, che col motto "Diamoci una mano" tende a realizzare una “rete” tra i gruppi e le associazioni (ben 21 aderenti all’evento), le scuole e le parrocchie del territorio, con la diretta partecipazione dell’amministrazione comunale, all’insegna di valori positivi e di costruttivi messaggi di speranza.

Da fine novembre scorso, si sono svolti incontri con i ragazzi delle prime classi della scuola secondaria degli Istituti comprensivi per sensibilizzarli alle problematiche sociali, al volontariato e alla solidarietà per la costruzione di una società nuova che superi barriere, divisioni, egoismi ed emarginazioni sociali e sia possibilmente più vicina ai più deboli. Tra i momenti fondamentali, la costruzione di un “albero della solidarietà”, con le “manine” di cartone attaccate dai ragazzi con i propri pensieri, e una raccolta di fondi per sostenere le attività sociali e aggregative degli anziani. «Assieme a chi ogni giorno si occupa degli altri».

Domenica, in piazza Mazzini, la “festa” finale inserita assieme a un’edizione speciale natalizia dell’esposizione biologica “Makè Terra” del Circolo Makeba. Alle 9,30 l’inizio con i saluti istituzionali; a seguire, l'arrivo di Babbo Natale, spazio per tutte le realtà associative presenti, accanto ai vari stand, all’albero della solidarietà e alle scuole; alle 12 è prevista l’estrazione finale della lotteria solidale, con i tanti premi messi in palio dai commercianti locali tramite la Confcommercio, e la maglia nerazzurra autografata del difensore dell'Inter Skriniar, donata generosamente dalla società calcistica milanese. «Per festeggiare insieme i valori che accomunano le tante persone che si scommettono nel volontariato, contribuendo a migliorare la nostra società».

Un evento di solidarietà che sta coinvolgendo l'intera comunità, dalle scuole alle associazioni di volontariato, dalle istituzioni alla società civile. «Insieme tutto è possibile». In uno dei momenti più difficili e contrastati della storia di Misterbianco, una vasta parte del territorio ribadisce concretamente la voglia di vivere e costruire una comunità più unita e solidale e un futuro migliore per tutti.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
23/12/2018

tags: