Laboratorio nazionale alle medie sulle "fake news": la Pitagora unica scuola siciliana tra le 5 prescelte in Italia sulla "cittadinanza digitale"

Versione stampabileVersione stampabile

Fake newsInternet oggi è parte integrante della nostra vita; e vi si trova di tutto, tra informazioni e collegamenti importanti, occasioni di conoscenza, ma purtroppo anche “bufale” fuorvianti, “leoni da tastiera”, frustrati e portatori d’odio e rancore, un “hate speech” che è difficile contrastare nelle sue varie versioni di gratuita “comunicazione” a portata di mano.

Navigare in rete in modo sicuro, nel rispetto degli altri e nella consapevolezza dei rischi; individuare le informazioni corrette o errate, anche nel confronto con altre fonti; distinguere l’identità digitale da un’identità reale e applicare le regole sulla privacy per la tutela di tutti; sviluppare consapevolezza dell’impatto della trasformazione digitale sull’ambiente. Sono le competenze-obiettivo del progetto “Crescere cittadini digitali” della Samsung Italia, che ha coinvolto solo cinque scuole medie italiane in altrettanti incontri su alcuni temi-chiave dell’educazione civica digitale (navigazione sicura, fake news, identità digitale, “netiquette”, ambiente) e che ha visto la partecipazione dell’Ics Pitagora di Misterbianco come unica scuola siciliana. In videoconferenza, la classe 3^D ha partecipato al laboratorio sulle “fake news”, con importanti indicazioni su come vengono diffuse le informazioni in rete, come riconoscere le notizie vere da quelle false, ricercare e confrontare le fonti per verificare le notizie, utilizzare il materiale reperibile in rete (copyright, creative commons), utilizzare consapevolmente le informazioni veicolate attraverso i siti e i social network.

«Ringraziamo il gruppo “La Fabbrica” per averci fatto conoscere il progetto - commenta la dirigente scolastica Giusi Licciardello - la Samsung per la straordinaria opportunità dataci, e i docenti Laura Rapisarda, Filippo Gulisano e Maria Granata che si sono occupati dell’incontro e cureranno le attività di follow up».

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
23/02/2021

tags: