Un bilancio partecipativo senza consensi non è democrazia... Diamoci un'occhiata

Versione stampabileVersione stampabile

Bilancio PartecipatoSull’efficienza online del voto ai progetti di Bilancio Partecipato 2017 avevo espresso dubbi già in un mio precedente post inviato a questo Social, e giacché la conta dei voti è stata già espletata trovo inspiegabile che il risultato finale non abbia avuto sul web il dovuto risalto informativo, né alcun commento da parte della Governance Comunale che di questo nuovo esperimento di democrazia se n’è servito e di cui dovrebbe con chiarezza rendicontarne, al fine di evitare in futuro il rischio che la partecipazione resti un semplice rituale di scelte apparentemente partecipate ma sostanzialmente imposte dai criteri del decisore.

Evidentemente c’è un “top secret” nella logica del potere locale, per il quale se la sostanza informativa gli può rendere vantaggio la si lancia sul mercato della credulità popolare, altrimenti risultano più validi l’applicazione del silenzio d’oro oppure il chiacchiericcio deviante da quelle che dovrebbero essere le problematiche reali. Ritengo opportuno, pertanto, allegare a questo mio post la tabella dei voti online attribuiti ai progetti selezionati dalla Giunta Comunale, affinché i cittadini ne traggano motivo di riflessione su come la nuovista Amministrazione abbia inteso “distrattamente” trattare la trasparenza, la democrazia e la partecipazione.

Parrebbe marginale parlarne a cose già decise, ma vale farlo non certamente per l’esigua cifra del budget (€ 30.000,00 circa) destinato a crescere negli anni a venire, ma soprattutto perché inteso come valido strumento democratico tendente ad investire i cittadini di autonomia decisionale nelle scelte del Comune per sentirsi non più persone indifferenti bensì cittadini che amministrano. In tal senso una partecipazione è ritenuta efficiente se tutti i soggetti sociali coinvolti nel bilancio partecipato fossero stati messi dalla macchina amministrativa nelle condizioni di esprimersi, di informarsi e di contare realmente, organizzando pubbliche assemblee preparatorie con creazione di comitati delle parti territoriali che potessero rappresentare le varie componenti della società misterbianchese. Tutto questo al fine di attuare un procedimento formativo del collettivo dove meglio sarebbe potuta emergere la priorità di bisogni sociali per farne progetti fattibili da sottoporre al voto popolare in adeguati “seggi o gazebi” disposti al Centro e nelle Frazioni con la verifica d’identità e residenza del votante.

Evidentemente la scarsa rilevanza data all’evento non poteva produrre un coinvolgimento della cittadinanza, privata degli elementi consultivi dei collettivi di zona. Ha prodotto, invece, una Giuria (probabilmente la stessa Giunta Comunale) col compito di selezionare con un voto di priorità i primi 8 progetti da ammettere al suffragio online. Motivo d’incongruenza che ha sollevato, tra gli stessi partecipanti, dubbi su trasparenza e criteri da non giustificare né la selezione dei progetti promossi né quella dei progetti esclusi. Aggiungo che sui risultati, attinti dal portale del Comune(popolato da quasi 50.000 anime), non si trova specificato il numero di votanti, né le fasce d’età e il genere, ma stranamente vengono riportate soltanto le percentuali di consensi che non quantificano l’entità numerica dei partecipanti al voto online. Un incauto espediente per celare che l’intricato strumento del voto online (di esigue minoranze e peraltro penalizzante della volontà di voto per coloro che sono privi di servizio internet) abbia dato un risultato dispersivo e non attendibile a connotare la reale rappresentatività sociale nelle scelte.

Da queste mie riflessioni deduco che una democrazia non può inventarsi impigliandola nella rete, ma può funzionare solo se guidata da sani principi e ideali. Mancando questi, un bilancio partecipativo senza consensi non è democrazia. Ma con una ponderata preparazione del percorso attuativo, con criteri di votazione più praticabili e con una Giuria di Garanzia, nominata tra persone d’indiscussa moralità ed immuni da influenze, ci sarebbe stato un serio coinvolgimento popolare che avrebbe destato sicuramente più interesse nella pubblica opinione, abituando la cittadinanza a diventare protagonista nella gestione del proprio territorio.

Enzo Arena

 

RISULTATI DEL VOTO ONLINE AI PROGETTI SELEZIONATI DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE VOTI(%)

Progetto 4 - App Sport Misterbianco

Proponente: ASD Polisportiva le Saette
Costo intervento: €uro 2.000,00
Descrizione: Creazione di un’applicazione per lo sport a Misterbianco.

28,4

Progetto 6 - Riscoprire il passato per creare un futuro

Proponente: Belfiore Giusy
Costo intervento: non precisato
Descrizione: Valorizzare i beni archeologici e culturali del territorio

di Misterbianco attraverso la realizzazione di un video.

27,3

Progetto 7 - Porte aperte Campanarazzu e Museo di Arte Sacra

Proponente: Fondazione Culturale Monasterium Album
Costo intervento: €uro 15.400,00
Descrizione: Il progetto prevede l’apertura dei musei e del sito archeologico di Campanarazzu con l’ausilio di giovani accompagnatori turistici formati dalla stessa fondazione.

15,9

Progetto 5 - Tutti in scena

Proponente: Asero Martina
Costo intervento: € 6.000,00
Descrizione: Il progetto prevede il coinvolgimento di un gruppo di studenti di un Istituto del territorio per la realizzazione di uno spettacolo teatrale.

12,5

Progetto 3 - Misterwhite Live Fest

Proponente: Amara Ignazio Omar
Costo intervento: non precisato
Descrizione: Organizzazione di una kermesse musicale.

10,2

Progetto 1 - Paraolimpiadi scolastiche misterbianchesi

Proponente: Belfiore Rosa
Costo intervento: non precisato
Descrizione: Il progetto prevede la promozione di una manifestazione che coinvolga il mondo della disabilità.

2,3

Progetto 8 - Focus On Misterbianco

Proponente: Bonforte Anna e Floresta Lorenzo
Costo intervento: € 5.800,00
Descrizione: Si propone l’attuazione di un dialogo tra giovani, stakeholders e responsabili politici sulla tematica del lavoro.

2,3

Progetto 2 - Acquisto attrezzatura ginnica

Proponente: Associazione Culturale 95045
Costo intervento: €uro 488,00
Descrizione: Si propone acquisto di attrezzatura ginnica per la struttura V.Mazzola.

1,1

tags: