Partire dai bimbi per un mondo migliore

Versione stampabileVersione stampabile

Amici a 5 Stelle«Se ciascuno di noi facesse la propria parte, la terra sarebbe un posto bellissimo»: è il messaggio dell’incontro “Voglio vivere naturalmente” - organizzato dal Meetup Amici a 5 Stelle di Misterbianco, alla sua prima uscita pubblica - e del progetto educativo “Il mondo di Titò” in cui si intende «partire dai più piccoli per costruire un mondo migliore».

Introdotti dalle letture animate dell’attrice Marinella Maugeri coi bambini, temi importanti come l'ambiente, gli animali, la sanità e la scuola al centro di una riflessione – ottimamente coordinata dall’insegnante Carmela Mammano - che ha coinvolto docenti e dirigenti scolastici, genitori e alunni, nell’intento di «sensibilizzare il territorio a buone pratiche educative e formare i cittadini di domani». «Iniziare assieme a cambiare il mondo», adulti e bambini, partendo dal rispetto verso se stessi, le persone, gli animali, l’ambiente e la natura. Un rispetto necessario che oggi sembra essersi perduto».

In un’epoca in cui è passati dalla delega fiduciaria della famiglia alla diffidenza e spesso allo “scontro” verso la scuola, occorre il “sogno” di trasmettere princìpi e valori ai bambini, incentivandoli con l’affiancamento e l’esempio a trovare «soluzioni semplici, creative e concrete». Da qui l’innovativa collana di libri interattivi ideata da Cettina Marziano (sull’amico cane Titò), la quale ha spiegato le motivazioni e gli strumenti offerti dalla sua iniziativa per educatori, alunni e famiglie che attraverso le interazioni, la creatività e la “realtà aumentata” possano costruire un futuro vivibile.

E «occorre dare contenuti, motivare l’apprendimento, orientare a vivere bene, in armonia con se stessi e col mondo», come ha ricordato con competenza e saggezza l’ex dirigente scolastica Giuseppa Barresi, ritornando a stimolare nei piccoli la lettura di libri (oggi sopraffatti dalle moderne tecnologie di tv, pc, smartphones) per una crescita cognitiva e per gestire i sentimenti e i problemi emozionali. «Rispetto alle informazioni e agli svaghi digitali moderni ormai prevalenti, la lettura richiede impegno, fatica e riflessione; e abituare i bambini a leggere è un atto d’amore».

Poi, la necessità dell’amore e la comprensione verso i “diversi” e verso gli animali, sottolineata dalla dirigente psicologa Daniela Arcidiacono, impegnata in un servizio di consulenza specialistica ormai ventennale dell’Asp 3 anche verso i diffusi “disturbi dell’apprendimento”: «L’animale ci aiuta a stare bene e ad avere un sorriso diverso, migliora la qualità della vita». Ed è altresì fondamentale l’educazione ambientale, ha spiegato la geologa Giusy Rannone, «costruendo con l’esempio le condizioni base per continuare a vivere su questa terra che non tocchiamo e odoriamo più, un pianeta che ci stiamo “giocando” erodendone le risorse». Alla fine, gli interventi dei “portavoce” comunali Valentina Puglisi e Giuseppe Di Stefano, «per una cittadinanza attiva e consapevole che parta dai bambini».

Roberto Fatuzzo
lasicilia.it
04/10/2018

tags: