Metro, a Misterbianco non prima del 2024. Il punto di Fce

Versione stampabileVersione stampabile

MetroUna serie di problematiche rallentano la tratta tra Monte Po fino alla città alle porte di Catania. Lo ha spiegato l'ingegner Salvo Fiore, direttore di Fce, in un incontro organizzato da Attiva Misterbianco.

Il punto sulla linea metropolitana di Catania, gestita dalla Ferrovia Circumetnea (Fce). Lo ha fatto Attiva Misterbianco, gruppo di cittadinanza attiva della città alle porte del capoluogo etneo con una iniziativa online denominata “Una metro chiamata desiderio”. Il collegamento urbano con Catania, proseguimento dell’attuale linea che da piazza Stesicoro raggiunge la circonvallazione (stazione Nesima), è attesa ormai da anni dal grande comune dell’area urbana. Nel corso dell’incontro, moderato da Anna Bonforte di Attiva Misterbianco, è intervenuto l’ingegnere Salvo Fiore, direttore generale di Fce: la data di apertura “non sarà prima del 2024”.

Nel 2024 al centro di Misterbianco
La tratta dal quartiere Monte Po al centro urbano di Misterbianco, lunga 2,2 chilometri e con due fermate, una nella zona commerciale e l’altra al centro della città, non è ancora completa. Questo a causa “di una serie di ricorsi e sospensive nell’espletamento della gara” che hanno rallentano i tempi, informa Fiore. Il direttore generale della Ferrovia Circumetnea prevede una assegnazione dell’appalto entro il mese di marzo del 2021, “con inizio dei lavori nel 2022, e fine nel 2024”.

Stazione Cibali, apertura a marzo
Nel frattempo proseguono anche i lavori lungo la tratta catanese già attiva. La stazione del quartiere Cibali, completata nel 2017 e mai aperta a causa di varie problematiche tra cui infiltrazioni d’acqua in una zona ricca di sorgenti sotterranee, dovrebbe essere inaugurata a marzo 2021. “In un paio di mesi riteniamo possibile attivare anche quest’altra stazione”, dice in diretta Fiore. Inoltre, informa il direttore di Fce, nel mese di marzo è anche prevista la consegna dei lavori per il proseguimento a Sud della linea, da piazza Palesto all’aeroporto Fontanarossa, con consegna dei lavori nel 2026.

La linea di superfice sarà dismessa
La tratta da Nesima a Monte Po è in fase di completamento: Fiore prevede l’inaugurazione per la fine al 2021, insieme ai nuovi treni, dieci in totale. Il ritardo nella consegna, prevista inizialmente per il 2020, è stato dovuto “alle criticità dell’impresa di costruzione”. Questa inaugurazione, con la stazione Fontananei pressi dell’ospedale Garibaldi, permetterà anche ai residenti di Misterbianco di usufruire con più facilità del servizio, attualmente garantito dalla vecchia linea in superfice della Circumetnea. E su questo punto alle richieste di un miglioramento della attuale tratta, con passaggi a livello, Fiore risponde ad Attiva Misterbianco rendendo noto che i tempi di un eventuale adeguamento sarebbero vicini a quelli di realizzazione della definitiva linea metropolitana. Il tratto in superficie verrà a quel punto dismesso.

Collegamento con Paternò nel 2027
Novità infine anche per il nuovo tratto da Misterbianco a Paternò, che sarà in parte in galleria e in parte in superficie. La data di realizzazione degli 11,5 chilometri dovrebbe essere nel 2026, fa sapere Fiore, ma “entro fine anno finiranno le procedure di approvazione”, con la procedura di gara avviata all’inizio del 2022. “Nel 2027 avremo la linea dall’aeroporto a Paternò, che avrà altri 1,2 chilometri di linee per collegare altre aree della città”, conclude il direttore di Fce Fiore.

Leandro Perrotta
focusicilia.it
05/02/2021

tags: