L'IC A. Gabelli di Misterbianco in Polonia per il progetto Erasmus+ "Bits and Pieces of Culture"

Versione stampabileVersione stampabile

IC GabelliCon grande entusiasmo, si è concluso qualche giorno fa il secondo scambio tra gruppi di alunni del progetto Erasmus+ KA229 Bits and Pieces of Culture, a cui l’IC A. Gabelli di Misterbianco, diretto dalla dott.ssa Adriana Battaglia, partecipa congiuntamente ad altre sei scuole europee provenienti da Croazia, Polonia, Grecia, Cipro e Spagna. Avviato nel settembre 2018 e con termine previsto nell’agosto 2020, il progetto ha come obiettivo l’acquisizione di competenze linguistiche, digitali e interculturali degli studenti, grazie a differenti attività e tematiche da approfondire in ciascuna mobilità.

Dal 12 al 16 maggio una delegazione dell’Istituto, composta da sei alunni di 2° e 3° anno di scuola secondaria di primo grado e dalle prof.sse Licia Arcidiacono e Giuliana Saporito, è stata ospite in Polonia presso la Szkola Podstawowa nr 4 w Zambrowi​e, istituzione di successo (nel 2015 riconosciuta da eTwinning come “migliore scuola polacca del decennio”) situata nella cittadina di Zambrów.

Oltre 40 rappresentanti dai sei paesi partner hanno preso parte allo scambio tra gruppi di alunni dal titolo Bits and Pieces of Music and Dance. Gli studenti, suddivisi in gruppi internazionali, hanno svolto workshop su canzoni tradizionali e realizzato a mano bambole vestite con costumi tipici da ciascun paese. Gli alunni dell’IC A. Gabelli hanno scelto la canzone dialettale “Ciuri Ciuri” per rappresentare lo spirito della tradizione popolare e, a seguito di un complesso lavoro di ricerca, hanno mostrato una panoramica generale dei molteplici costumi delle varie regioni italiane, con particolare attenzione a quelli siciliani, poi oggetto del laboratorio creativo gestito dal team Italia. Sempre per rimanere legati alle radici storico-culturali del paese ospitante, i ragazzi hanno socializzato svolgendo un city game all’interno di Zambrów e alcuni giochi tradizionali polacchi all’aria aperta. La tradizione ha trovato un filo diretto con la modernità attraverso la scrittura e la registrazione di una canzone rap ispirata alle tematiche del progetto, sulle cui note è stata approntata una coreografia di gruppo a cui hanno preso parte tutti gli alunni. Sono state previste inoltre la visita guidata della capitale Varsavia e una gita di un giorno al Parco Nazionale di Bialowieża, sito patrimonio dell’UNESCO e una delle più antiche riserve naturali d’Europa, nota per i suoi esemplari di bisonte europeo.

Nel corso dei cinque giorni, gli alunni sono stati accolti dal calore delle famiglie ospitanti, con cui hanno trascorso diverso tempo libero alla scoperta del territorio, della cultura e delle tradizioni locali. Nell’anno europeo del patrimonio culturale, questo progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Erasmus+ ha permesso ad alunni e docenti di trovare terreno fertile per muoversi in direzione di un confronto e della condivisione dei principi europei e ha già dimostrato di avere un grande impatto sugli studenti anche dal punto di vista motivazionale.

La prossima tappa sarà Cipro, dal 19 al 25 ottobre 2019.

prof.ssa Licia Arcidiacono

tags: