L'elettorato nelle Frazioni di Misterbianco

Versione stampabileVersione stampabile

Elezioni Politiche 2018 - MisterbiancoPremesso che la mia analisi è frutto solo del mio “campo visivo”, non supportata da dati scientifici ne sociologici.
Mi sono sempre chiesto cosa spinge il popolo dei nuovi quartieri di Misterbianco a votare, alternativamente per il Consiglio Comunale, ora questa ora quella coalizione? La prima cosa da osservare è che le elezioni si vincono e si perdono nelle frazioni, per effetto del maggior numero di abitanti.

La seconda cosa cui riflettere è la “bilancia” elettorale che determinati “potentati locali” riescono a muovere con un cospicuo pacchetti di voti. Potentati senza colore politico e senza tessere specifiche. Mercenari al soldo di non specificati interessi. Questo avviene, per estrema semplificazione, in assenza di una presenza istituzionale sociologica-ambientale. Non basta assicurare i servizi essenziali quando non si cura affatto il tessuto sociale, il bisogno sociologico di una società senza una radice, senza una vera appartenenza.

Temi che per molti è convenuto non affrontare, relegando questo corpo elettorale e residenziale ad un anonimo nucleo estraneo al resto del Paese. Senza un vero “meticciamento” culturale, senza una vera integrazione di inclusione. Facendo solo emergere un campanilismo becero-paesano lontano ed estraneo alla fragile cultura delle periferie. La cittadinanza urbana non si costruisce ne su basi religiose ne su campanilismi, ma sui diritti, inclusione, partecipazione, rispetto reciproco. Parliamone!

Vito Fichera

tags: