La prima sfilata del carnevale

Versione stampabileVersione stampabile

Carnevale di Misterbianco 2017Partito dal martedì con eventi di rilievo (quali la Mostra del Liceo Emilio Greco, la meravigliosa sfilata delle scuole e la “Maccarrunata” in musica del giovedì grasso, l’incontro con il carnevale russo di venerdì e la “carovana in Samba” di sabato sera) ieri il Carnevale di Misterbianco 2017 ha avuto la sua domenica di festa gioiosa dalla mattinata a tardissima sera.

Un momento di gioiosa aggregazione. Non solo maschere, colori e coriandoli.
L’annullo postale commemorativo e l’esposizione biologica di “Makè Terra” in piazza Mazzini, il Carnevale dei bambini allo Stabilimento Monaco, le visite ai tre Musei cittadini e al sito storico di Campanarazzu hanno fatto da “antipasto” ricreativo e socioculturale all’evento-clou che ha reso famoso il carnevale misterbianchese, cioè la sfilata dei “costumi più belli di Sicilia” nel circuito del centro assiepato di gente di ogni età e turisti da varie parti della Sicilia. Erano stavolta ben nove le Associazioni partecipanti, con almeno 800 figuranti, a sfilare con danze coreografie musica e carri scenografici, con la sapiente conduzione dello speaker “storico” Tino Mazzaglia e la speciale attenzione della troupe di Telecolor che ha rilanciato sul più vasto territorio molti momenti dell’emozionante kermesse.

Suspence per il meteo, lunga attesa del pubblico, ma solo un forte ritardo iniziale, dovuto a un banale incidente a un carro allegorico. Poi, a coronamento di un intenso lavoro di preparazione, è “esplosa” per le strade la passione dei nove Gruppi sfilanti sui temi più svariati: “Escopazzo” con il tema “Made in Sicily”, “La Burla” con “Ogni scrusciu di campana è ‘na festa”, “La Follia” con “Siti antichi, il museo della follia”, “La Smorfia” con “Nel paese dei balocchi”, “New Ange” con “Arrimina stu mazzu”, “Re Carnevale” con “Luna park”, “The Carnival Mask” con “Giocando”, “Turi Campanazza” con “Maya… addivèttiri”, e “Venezia” con “Delirio d’oro di Venezia”. Rinnovando le emozioni di costumi incredibili di ogni fattura e con figuranti di ogni età, che rendono arduo il compito dell’apposita Giuria per le premiazioni finali. Un’esibizione di capacità e creatività che sfida sistematicamente gli anni, e anche stavolta non ha tradito le attese, contagiando di allegria ed entusiasmo le migliaia di spettatori. Se almeno una volta l’anno è lecito insanire, “la festa della comunità” continui, per la gente che ne ha bisogno e diritto in tempi così duri.

Oggi pomeriggio alle 18 all’Auditorium Nelson Mandela (via Barone) si celebrerà il “gemellaggio” tra l’Istituto Comprensivo Gabelli di Misterbianco e il “Lyceum 2010” di Mosca (con “Dasvidania Maslenitsa”) - all’insegna di amicizia, arte, musica, danza e cultura - poi alle 20 serata musicale danzante al Centro Polifunzionale di Lineri (via Li Causi) con i Kalispera, mentre in piazza Mazzini si esibirà alle 21,30 la band di giovanissimi “Senzafiltro”.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
27/02/2017

tags: