Gli scout di Misterbianco in esplorazione della "Grotta dei rotoli" col CAI

Versione stampabileVersione stampabile

Esplorazione«Noi esseri umani nasciamo con un’intima propensione a esplorare la natura più di quanto ci circonda». Con tali premesse, una gran bella esperienza per gli scout della “Squadriglia Lupi” del reparto “Misterbianco 1”, coinvolti dalla Sezione Etna del Gruppo Grotte del Cai di Catania. Una mattinata in esplorazione alla “Grotta dei rotoli” in contrada Chiovazzi, zona Monte Crisimo, in territorio di Linguaglossa.

Guidati dal capo Marco Sciacca e altri responsabili, i ragazzi - divisi in due gruppi a causa delle misure anticovid - hanno potuto conoscere la formazione delle grotte di scorrimento lavico, la colata del 1865 che ha creato la grotta, e i vari “speleo-temi”, soffermandosi sui grandi e importanti “rotoli” che danno il nome al particolare sito. Quasi tutti non erano mai entrati in una grotta, e l’emozione è stata davvero intensa. «Un grazie speciale a questi ragazzi per l’attenzione e la curiosità dimostrate - commenta il direttore del gruppo grotte, dott. Andrea Belfiore, subentrato a febbraio al dott. Carmelo Bucolo - Come sempre, l’entusiasmo dei più giovani ci ripaga di ogni fatica e sacrificio». Il direttore era accompagnato da alcuni soci esperti che si sono generosamente prestati a dare una mano a prezioso supporto nella coinvolgente visita guidata, servita agli scout misterbianchesi anche «per riconquistare il guidoncino verde di esplorazione». Coi ragazzi rimasti ammirati e entusiasti.

Continua così la costante attività dell’efficientissimo Gruppo catanese del Cai, impegnato con passione non solo nelle proprie ricerche e rilevazioni ma anche nel diffondere formazione e cultura, non soltanto alle giovani generazioni, su un nostro patrimonio naturale prezioso che purtroppo in tanti ignoriamo e che non smette di stupire quanti vi si accostano.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
16/06/2021

tags: