Esercenti multati dal Comune per i caffè concerto

Versione stampabileVersione stampabile

Marco Corsaro: "assessori annunciano programma estivo ma non avvisano gli uffici. Fa male vedere gli imprenditori vittime delle prese in giro della giunta". 

"Se non ci fossero di mezzo il lavoro e le attività dei misterbianchesi, ci sarebbe solo da ridere. Purtroppo invece gli effetti dell'inettitudine della giunta di Misterbianco sono tragicamente seri e rischiano di rovinare pure l'estate della nostra città. L'amministrazione ha toppato ancora una volta e fa male vedere gli imprenditori del centro storico sbeffeggiati dagli assessori Marchese, Lupo, Santagati e Parrinello che blaterano di "pubblico e privato a braccetto" e poi abbandonano gli esercenti, gli unici che lavorano per ravvivare la città, a multe e balzelli". 

Lo dichiarano i consiglieri Marco Corsaro, Rossella Zanghì e Lorenzo Ceglie del gruppo consiliare "Guardiamo Avanti" dopo il caso delle multe, erogate nel fine settimana, dai vigili urbani ai ristoratori e bar di Misterbianco, i protagonisti della movida nel centro storico. Sono stati numerosi i verbali da oltre 300 euro, come accertato dai consiglieri, elevati per occupazione di suolo pubblico e altre violazioni, scatenando l'indignazione degli esercenti per "la prova di assoluta inadeguatezza degli amministratori - evidenziano i consiglieri - non certamente dei vigili chiamati ad assolvere al loro dovere". 

"Le sanzioni - spiega il capogruppo Marco Corsaro - sono arrivate malgrado gli assessori Marchese, Lupo, Santagati e Parrinello avessero annunciato con una conferenza stampa l'avvio del "White Summer festival". E invece, alla faccia delle grancasse ipocrite, l'unica cosa che gli esercenti hanno visto sono le salate multe dei vigili urbani perché gli assessori si sono grottescamente dimenticati di avvisarli e di raccordarsi con gli uffici".

Il programma di caffè concerto del Comune prevedeva la "sinergia tra pubblico e privato" e chiedeva alle attività di impegnarsi a organizzare spettacoli musicali in cambio di servizi da parte dell'ente. "Riteniamo grave - concludono i consiglieri di "Guardiamo Avanti" - quanto accaduto ed esprimiamo piena solidarietà alle attività rimaste vittima di un'incapacità politico-amministrativa che questa città non può più sopportare. Misterbianco merita di più".
(Misterbianco, 19 giugno 2019)

Gruppo "Guardiamo Avanti" Misterbianco

tags: