PROGRAMMA DEL CANDIDATO SINDACO NINO DI GUARDO

Versione stampabileVersione stampabile

I disastri provocati nei dieci anni di amministrazione Caruso sono sotto gli occhi di tutti.

Ci viene riconsegnata una città devastata e privata dei servizi essenziali e, al tempo stesso, una situazione finanziaria al limite del fallimento, con le casse comunali vuote e con un bilancio gravato da mutui cui l’amministrazione, incapace di acquisire finanziamenti regionali ed europei, ha fatto ricorso per realizzare sparute ed insignificanti opere.
 
Il mio programma di governo - che di seguito brevemente illustrerò – sarà dunque fortemente condizionato dalle scarse disponibilità del bilancio comunale oltre che dalla riduzione dei trasferimenti regionali e statali e dai gravami imposti agli Enti locali a causa della difficile congiuntura economica nazionale.
 
In primo luogo occorrerà reperire risorse per poter offrire servizi essenziali per i cittadini, specie per i più deboli e bisognosi. Per fare ciò, verrà attuata una rigorosa politica di tagli e di lotta agli sprechi, alleggerendo il bilancio dalle spese fisse per energia elettrica, telefonia, rifiuti, utilizzando programmi informatici open source e realizzando una più accorta ed efficiente gestione del denaro pubblico; verrà sfruttata ogni possibilità di accedere a finanziamenti regionali, nazionali ed europei; verranno coinvolti i privati utilizzando i moderni mezzi di project financing. Neanche un centesimo dovrà essere lasciato scappare per ridare lustro e benessere al nostro paese.
 
Grazie alle economie realizzate si potranno, anzitutto, ripristinare quei servizi che inopinatamente sono stati soppressi dall’attuale amministrazione. In particolare, mi prefiggo di:

  • riaprire l’asilo nido comunale;
  • ripristinare i servizi sociali per gli anziani e soggetti svantaggiati;
  • ripristinare il servizio di trasporto pubblico per assicurare i collegamenti tra i vari quartieri del paese;
  • riaprire la villa comunale e curare il verde pubblico;
  • rendere fruibili i parchi gioco per i bambini sostituendo le strutture danneggiate e mantenendole pulite e funzionanti;
  • ridare decoro al paese e bonificare le aree di accesso alla città;
  • liberare le strade dallo strangolamento del traffico caotico e senza regole e istituire isole pedonali per migliorare la fruibilità della città;
  • stimolare e promuovere tutte le iniziative attraverso le quali possano esprimersi al meglio le potenzialità culturali, sportive, artigianali dei misterbianchesi;
  • aprire le porte delle strutture comunali (auditorium, centri polifunzionali, campo sportivo, pista di atletica, tensostruttura, galleria d’arte, stabilimento di Monaco) e metterli a disposizione della comunità;
  • far rivivere Carnevale, Sonica, Magie d’estate, Fiera dell’artigianato, importanti vetrine e volano di sviluppo per la nostra città.

In una parola, Misterbianco deve tornare a vivere.
 
Contestualmente, si ricomincerà a progettare il futuro della nostra città e la sua crescita civile ed economica ponendoci obiettivi ambiziosi ed innovativi quali:

  • Utilizzo dell’energia rinnovabile per rendere il comune di Misterbianco indipendente. Il mio obiettivo è che il fabbisogno energetico del comune venga, col tempo, soddisfatto interamente con l’utilizzo del fotovoltaico, del solare termico, del mini e micro eolico. Questa operazione, oltre a permettere un grande risparmio di risorse, costituirà occasione di lavoro e di sviluppo per tutti coloro che vorranno cimentarsi  in questo settore;
  • Adeguamento degli edifici scolastici e comunali alle direttive europee ed alle normative sul risparmio energetico per il raggiungimento della classe A;
  • Riorganizzazione e razionalizzazione del servizio di N.U. e potenziamento della raccolta differenziata con obiettivo “Rifiuti zero”;
  • Rilancio della Zona commerciale attraverso una fattiva collaborazione con gli imprenditori che operano nel settore per cercare insieme nuove possibilità di sviluppo;
  • Realizzazione di un sistema di cogenerazione dei rifiuti cartacei prodotti dagli esercizi commerciali per l’alimentazione dell’area artigianale e commerciale;
  • Rielaborazione del P.R.G. per dare fiato all’economia locale, all’edilizia e all’artigianato ad essa collegato e per consentire lo sviluppo del paese nel rispetto delle regole e dell’ambiente, fermando la deregulation di questi anni e valorizzando nuove aree dove insediare zone artigianali, parchi urbani, zone per il social housing, ecc.;
  • Realizzazione di una piscina utilizzando lo strumento del project financing;
  • Istituzione di un biennio di Scuola Superiore con diversi indirizzi di studio;
  • Costruzione di un edificio scolastico nel quartiere Belsito;
  • Rifacimento della facciata e degli infissi esterni dell’edificio scolastico A. Gabelli;
  • Realizzazione di piste ciclabili nel perimetro urbano.

Per raggiungere questi obiettivi, ancora una volta, voglio scommettere sull’Europa e sulle opportunità che offre cogliendo tutte le occasioni di sviluppo per il nostro comune. Abbiamo già dimostrato di saper programmare e progettare, aggiudicandoci Urban 2 e saremo in grado  di partecipare  con successo ai bandi della nuova programmazione (2014-2020) atteso che la Sicilia si trova nell’obiettivo convergenza (ex obiettivo 1).
 
Punto principale del mio programma resta quello di trovare una soluzione all’annoso problema della discarica di Tiritì. Mi batterò con ogni mezzo per la revoca del decreto di ampliamento della discarica e per la sua eventuale delocalizzazione. Vigilerò affinché vengano effettuate nel migliore dei modi le operazioni di bonifica della discarica già esaurita per garantire la salubrità dell’aria e la salute dei cittadini.
 
Tutta l’azione amministrativa della mia Giunta sarà improntata al rispetto della legalità e alla massima trasparenza. Il comune deve essere una casa di vetro sempre accessibile a tutti i cittadini. In questo quadro di legalità il comune si attiverà per favorire la costituzione di un’associazione antiracket che possa incoraggiare gli imprenditori locali a lottare contro la mala pianta delle estorsioni e dell’usura che minacciano lo sviluppo dell’economia cittadina.
 
Questi i punti essenziali del mio programma di governo. Mi auguro di poterlo realizzare con la preziosa collaborazione del Consiglio comunale, delle Associazioni di categoria, dei Gruppi di volontariato e di tutta la cittadinanza che desidero coinvolgere in questa ambiziosa opera di rinascita della nostra città.
 
Indico come Assessori della mia Giunta i signori:

  • Avv. Angela Vecchio, nata a Randazzo l’ 11/01/1959
  • Sig. Carmelo Santapaola, nato a Catania il 24/04/1969
  • Rag. Giuseppe Bongiovanni, nato a Misterbianco il 26/03/1963

tags: