Autismo: Anche il robot "Nao" a sostegno dei progetti di inclusione

Versione stampabileVersione stampabile

robot NaoAllo Stabilimento Monaco, un altro interessante momento di informazione e riflessione, promosso dalla Sezione Uciim di Misterbianco, in collaborazione col Comune, l’Ics Pitagora, le Aziende ospedaliere e la “Behaviour” Labs: il seminario formativo dal titolo “Nao, un robot per amico”, sull’autismo e le nuove tecnologie per l’inclusione, con lo specifico progetto promosso e implementato presso l’Istituto Comprensivo Pitagora. Nel progetto, il robot Nao assume una valenza di stimolazione all’interazione sociale degli alunni diversamente abili, nell’autonomia, nel miglioramento della psicomotricità e nella manifestazione delle emozioni.

Affollata la sala “Giarrizzo”. Dopo i saluti della dirigente scolastica Giuseppina Licciardello, si sono susseguiti gli interventi del dirigente medico Giancarlo Costanza, neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, la terapista della riabilitazione della Npia Mariella Costa, il Ceo della start up Behaviour Daniele Lombardo con Marco Lombardo, la presidente dell’Uciim di Misterbianco (e referente autismo all’Ics Pitagora) Letizia Spampinato – che ha efficacemente illustrato il progetto scolastico in corso, ora finanziato dal Comune - e la past-presidente dell’Associazione “Un futuro per l’autismo” Vera Caltabiano. Moderatrice la referente di sostegno Carla Bottari.

Per il Comune, ha concluso i lavori Federico Lupo - autore anche di un libro sull’autismo offerto agli ospiti - facendosi portavoce della proposta della 5^ Commissione di istituzione di uno “sportello per la disabilità”. Continua quindi un’azione tenace sul delicato fronte dell’autismo, con l’adozione di buone prassi in collaborazione con le istituzioni, il volontariato e l’associazionismo. Nel segno di un’attenzione e una consapevolezza per un crescente rispetto verso queste persone “speciali”.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
22/04/2018

tags: