Taglio servizi ASP a Misterbianco, "Guardiamo Avanti": "scenario preoccupante, pronti a rivolgerci al prefetto"

Versione stampabileVersione stampabile

Marco Corsaro“Le notizie delle ultime ore riguardo l’Asp di Misterbianco e il futuro dei servizi erogati in via Garibaldi sono assai preoccupanti. Se le ricostruzioni che circolano fossero confermate, la città si vedrebbe privata di servizi basilari come le vaccinazioni, medicina legale, l’Ufficio igiene pubblica e molti cittadini sarebbero costretti a rivolgersi ad uffici situati a Catania.

Un disagio illogico e fortemente penalizzante per un comprensorio da oltre 50 mila abitanti. Già oggi abbiamo sollecitato un intervento dell’Assessorato alla Salute e chiesto chiarimenti alla direzione dell’Asp di Catania e alla Commissione straordinaria che guida il Comune di Misterbianco. Vogliamo capire nero su bianco perché la soluzione della sede ex Movicar non sia praticabile e valutare assieme agli uffici competenti eventuali altre proposte. Occorre anche chiarezza su progettazione e ripristino struttura del poliambulatorio di via Galilei.

A che punto siamo? Da oggi, inoltre, inizieremo una raccolta firme in tutta la città, per dare voce al disagio dei misterbianchesi. Siamo pronti anche a investire la Prefettura della questione, a difesa delle prerogative del nostro territorio”.

Lo afferma Marco Corsaro, presidente del movimento “Guardiamo Avanti”, a proposito della paventata smobilitazione degli uffici Asp da Misterbianco.

Marco Corsaro
Presidente "Guardiamo Avanti"

tags: