Soggiorni ''creativi'' per scrittori, critici ...

Versione stampabileVersione stampabile

Importante intesa tra la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere e il progetto "Castelmola Città degli Artisti". Critici, letterati e poeti selezionati dall'ateneo catanese ospiti della splendida località che sovrasta Taormina.

La Facoltà di
Lingue e Letterature Straniere dell’Università catanese sposa la causa di
Castelmola “Città degli Artisti”, l’iniziativa culturale che
l’Accademia di Belle Arti di Catania e Giuseppe Frazzetto hanno pensato
d’intesa con la locale Associazione “Arte Alta”, con il comune della
piccola cittadina e con la Provincia Regionale di Messina. A firmare lo schema
di convenzione - grazie al quale scrittori, letterati e critici straneri
segnalati dall’ateneo catanese godranno per un mese dell’ospitalità nel
piccolo centro che sovrasta Taormina - insieme ad Antonio Pioletti e Maria
Vittoria D’Amico, rispettivamente preside e vicepreside della facoltà,
Eleonora Cacopardo, responsabile dell’associazione “Arte Alta” di
Castelmola, Vincenzo Indaco, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catania
e lo stesso Giuseppe Frazzetto.“Con l’iniziativa del soggiorno creativo - ha
sottolineato Antonio Pioletti - la Facoltà di Lingue intende dare corpo ad un
rapporto finalmente fattivo con la nostra realtà territoriale”. Anzi della
stessa intesa: “Saremo anzi lieti - si è spinto più avanti il preside
Pioletti - di usufruire anche dell’auditorium di Castelmola per le attività
istituzionali della nostra facoltà: incontri, convegni, seminari”. Non meno
soddisfatti dall’altro canto, i rappresentanti dell’Accademia di Belle Arti:
“Siamo particolarmente felici - ha affermato il direttore Enzo Indaco - perché
istituzioni di solito lontane hanno scelto, nel rispetto delle loro competenze,
di collaborare intimamente ad un progetto così stimolante”. L’intesa
sottoscritta ieri all’Università è un altro tassello che va ad aggiungersi
alle già numerose iniziative realizzate col progetto “Castelmola Città degli
Artisti” e che hanno visto succedersi negli spazi antichi del borgo personali
di pittura, stage, iniziative d’arte a cura dagli artisti ospitati in
abitazioni (concesse loro in comodato d’uso per un anno) e trasformate in
case-studio, laboratori e musei: da Giorgio Cattani e Nicola Maria Martini alla
scultrice argentina Nelina Mendoza, da Fernando De Filippi a Nicole Gravier,
l’artista francese che proprio domenica mattina inaugurerà nei locali
espositivi di Piazza S. Francesco a Castelmola la sua personale di fotografia.
Alla fine di novembre è previsto inoltre l’arrivo di altri due artisti: la
bolognese Maria Pedrini e il giapponese Shinji Yamamoto.

"Times New Roman";mso-ansi-language:IT;mso-fareast-language:IT;mso-bidi-language:
AR-SA">GiCo

tags: