In Sicilia calo dei consumi e perdita posti di lavoro a causa del Covid

Versione stampabileVersione stampabile

Disoccupazione SiciliaLa crisi pandemica ha portato ad una instabilità economica preannunciata, soprattutto nelle regioni del sud Italia che erano già interessate da problemi inerenti la disoccupazione.

In particolare in Sicilia molte persone hanno perso il posto di lavoro come conseguenza del calo dei consumi che si è registrato negli ultimi mesi, complici anche le note restrizioni alla circolazione delle persone.

 

Consumi calati di 10 punti nel 2020

Gli ultimi studi di settore hanno infatti evidenziato un drastico calo dei consumi in Sicilia che, come accennato, è stato fortemente influenzato dai lockdown avvenuti in primavera e in autunno. Per questo motivo i cali più importanti si sono verificati soprattutto in tutte quella attività che operano tramite un negozio fisico e che sono solitamente in continuo contatto con la propria clientela.

Il settore che ha subito il calo più importante è senza ombra di dubbio quello della ristorazione. Tali attività non sono state danneggiate solo dalle chiusure totali che hanno interessato la regione, ma anche dal coprifuoco anticipato. In alcune zone dell’isola infatti, i ristoranti e i pub registravano una maggiore affluenza in tarda serata soprattutto da parte del pubblico più giovane.

Tutto ciò, insieme alla crisi avvenuta anche in altri ambiti lavorativi, ha portato alla perdita di numerosi posti di lavoro. Molte attività sono state costrette a ridurre la mole di lavoro a discapito dei dipendenti e alcune realtà sono state addirittura costrette a chiudere definitivamente i battenti. Questa situazione non ha fatto altro che aumentare il già alto tasso di disoccupazione nell’isola.

 

L'importanza della formazione per trovare una nuova occupazione

La pandemia ha fatto improvvisamente trovare numerose persone nella necessità di trovare una nuova occupazione. Questa situazione ha spinto sempre più i giovani a cercare una specializzazione nel settore di appartenenza. In particolare, soprattutto i laureati, hanno visto di buon occhio la possibilità di intraprendere la carriera da docente in questo difficile periodo.

Il governo ha infatti messo a disposizione delle scuole dei posti aggiuntivi al fine di poter avere classi meno numerose e dunque meno assembramenti. Per tante persone questa potrebbe essere senz'altro la giusta occasione per tentare di entrare a far parte del mondo della scuola.

Per non farsi trovare impreparati alle aperture delle nuove graduatorie scolastiche, previste per il 2022, è di fondamentale importanza avere tutte le certificazioni che consentono di ottenere un buon punteggio e migliore posizionamento in graduatoria.

Esistono per questo degli enti, come Formasys, che consentono di ricevere una adeguata formazione e le certificazioni necessarie, adattandosi alle necessità individuali. Questo importante centro studi rilascia certificazioni riconosciute dal Miur e consente di seguire i corsi anche online.

Grazie ai master e ai corsi di perfezionamento proposti è possibile migliorare la propria formazione e aumentare il punteggio in graduatoria. A questi si affiancano le varie certificazioni informatiche e linguistiche che concorrono nel far ottenere un miglior punteggio e dunque superare gli altri candidati.

Formarsi adeguatamente e farsi trovare pronti è dunque il modo migliore per tornare ad essere competitivi nel mondo del lavoro e trovare una nuova occupazione.

DB

tags: