A proposito di riconferma dei loculi

Versione stampabileVersione stampabile

Nino Di Guardo - MisterbiancoRispondo alle note del 30 marzo e del 1° aprile u.s. con le quali il sig. Filippo Sgrò chiede la ragione degli adeguamenti delle tariffe relative alle concessioni e ai servizi cimiteriali, approvate con la delibera della Giunta Municipale n. 339 del 23. 12. 2016, con riferimento alla tariffa da versare al comune per il rinnovo cinquantennale delle concessioni dei loculi.

Intanto preciso che non si tratta di un mero adeguamento Istat delle vecchie tariffe, bensì di una nuova determinazione che, per legge, occorre effettuare al fine di garantire la copertura totale dei costi reali sostenuti dall’Ente per la manutenzione delle strutture cimiteriali. In parole povere, la legge impone che i costi di gestione del cimitero e dei servizi connessi vadano ripartiti e sostenuti dai fruitori gravando in maniera proporzionale su chi ne fa uso e sgravando, al tempo stesso, chi non ne usufruisce.

Tutto ciò è imposto da precise disposizioni di legge cui non può sfuggire alcuna amministrazione senza andare incontro a gravi responsabilità.
Le nuove tariffe relative alle concessioni cinquantennali sono pari mediamente a € 1.160 (variabile da 1.100 e non più di 1.220) e bisogna anche tener conto che, se la somma viene ripartita nei 50 anni di concessione, la spesa annua ammonta a poco più di 20 euro.

Tuttavia, nel rispetto della legge, faremo il possibile per stare vicini a chi non può pagare in unica soluzione l’importo previsto, concedendo la possibilità di rateizzarlo.

Nel ringraziarla per l’opportunità, offertami dal suo intervento, di poter illustrare il comportamento trasparente e rispettoso della legge dell'Amministrazione che ho l'onore di guidare, le porgo un cordiale saluto.

Nino Di Guardo
Sindaco di Misterbianco

tags: 

Commenti

Caro Sindaco Di Guardo, la

Caro Sindaco Di Guardo, la ringrazio vivamente per avermi chiarito i dubbi al mio quesito, certo leggendo l'avviso del 2009 nella bacheca del cimitero sulla riconcessione di €155,00, e poi trovandomi a leggere detta delibera che sia io che lei citiamo alla tariffa media di €1500,00. Credo che chiunque si trovi a dover rinnovare detta concessione (io ne ho tre), credo che uno zero in più non passa inosservato, credo che esista un qualche documento che certifichi detta rettifica fra la delibera che ho io in mano e che posso dimostrare quando vuole le cifre che cita lei. Con ciò con questa notizia si può passare una Santa Pasqua più serene e allegra, un grazie ancora per il suo chiarimento, la saluto cordialmente.

Filippo Sgrò

Pagine