Pareggio conti per 11 Comuni Simeto-Ambiente

Versione stampabileVersione stampabile

Simeto AmbienteTecnicamente viene indicato come «allineamento finanziario», in altre parole parliamo del pareggio ottenuto, da parte dei Comuni, e relativo alla copertura dei costi integrali del servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti, per gli anni che vanno dal 2004 al 2010.

I Comuni di Simeto-Ambiente, cancellano un passato catastrofico e il loro cammino sembra diventare meno tortuoso e oggi si aggiunge anche un nuovo pezzo (forse tra i più importanti) nel puzzle che li porta ad una gestione organizzata del servizio; parliamo, come detto, dell'allineamento finanziario.

Cosa significa? Con un servizio che prosegue da 2 anni in maniera lineare, senza problematiche legate a una mancata raccolta e, quindi, a emergenze urgenti da dover fronteggiare, i Comuni di Simeto-Ambiente sono oggi in grado di programmare un piano di rientro economico che permetta loro di chiudere il capitolo "copertura costo", relativo all'attività svolta nelle singole realtà territoriali, archiviando i problemi degli anni passati. Sono 11 i Comuni che hanno raggiunto l'allineamento; si tratta di: Belpasso, Camporotondo Etneo, Gravina di Catania, Nicolosi, Pedara, Ragalna, S. G. La Punta, San Gregorio, S. Pietro Clarenza, Sant'Agata Li Battiati e Tremestieri Etneo. Entro l'estate arriveranno a pareggio anche i Comuni di: Misterbianco, Motta Sant'Anastasia e Paternò; i restanti Comuni raggiungeranno l'obiettivo quasi certamente entro l'autunno.

Da evidenziare come negli 11 Comuni, si è raggiunto un pareggio per la copertura dei costi del servizio grazie alla riscossione spontanea e coattiva, all'attività d'accertamento, ed alle anticipazioni riversate dalle stesse Amministrazioni comunali.

Con l'allineamento raggiunto, , tutto ciò che verrà da oggi, ancora incassato e determinato dalla riscossione tariffaria coatta, verrà riversato sui Comuni, che incamereranno le somme nei propri bilanci. In questo caso, il primo Comune che ha già incassato è S. Giovanni La Punta, che ha approvato sia piano di rientro (relativo alle anticipazioni regionali) sia il piano di riparto (sul debito/credito); la somma ricevuta è di circa 20 mila euro.

La Sicilia
30/05/2012

tags: 

Commenti

Era ora che arrivasse una

Era ora che arrivasse una notizia positiva. Speriamo che negli anni a seguire non si manifesteranno più giorni di sciopero e montagne di riufiuti abbandonati per strada.

Giuffrida D.

 

Pagine