La benedizione della Madonna arrivata da Aci catena

Versione stampabileVersione stampabile

Madonna della CatenaUn evento del tutto particolare. Domenica alle ore 19, prima della Messa serale, nella Chiesa Madre di Misterbianco sarà benedetta ed esposta ai fedeli l’immagine di Maria SS. della Catena «arrivata nel territorio parrocchiale in modo inaspettato», come si legge sull’invito alla cittadinanza divulgato anche sui “social” dalla comunità locale molto coinvolta nell’evento.

Il manifesto (di circa 1,30 per 75 cm) con l’immagine sacra era stato liberato in cielo ad Aci Catena da una Confraternita il 15 agosto scorso e - trasportato dal vento con i palloncini colorati cui era legato – era stato rinvenuto, impigliato in un albero, alle porte di Misterbianco dalla devota sig.ra Maria Grazia Bella con la sua famiglia proprio di Aci Catena (dove era appositamente rientrata da Roma, dove vive, per la festa). La famiglia l’ha poi donato alla parrocchia misterbianchese (in una cerimonia nell’antica Chiesa riemersa di Campanarazzu, durante l’ultima festa della Madonna degli Ammalati, partecipe anche il parroco di Aci Catena, Sebastiano Privitera) e posto dal parroco Giovanni Condorelli nella Chiesa Madre in una bacheca vicino alla copia dell’effigie della Madonna degli Ammalati.

Con la sua particolare “trasvolata”, l’immagine della “Madunnuzza d’a Catina” ha raggiunto appunto Misterbianco da cui si partono da decenni tantissimi fedeli in pellegrinaggio a piedi (anche scalzi) fino alla sua chiesa. Un culto sentito e ormai consolidato. E non sembrano marginali, a molti, le tante “coincidenze” verificatesi: l’effigie della Madonna di Aci Catena che arriva dall’alto e si ferma a Misterbianco ma viene vista e recuperata proprio da una famiglia di fedeli di Aci Catena casualmente di passaggio proprio da quel punto. Tutto ciò colpisce la religiosità popolare, che anche a certi “segni” dà un’importanza da capire. Ora una sorta di “gemellaggio spirituale” (da settembre) nel nome e sotto l’auspicata protezione della Vergine. Tolto un telo di copertura, l’immagine sacra dopo la benedizione resterà in Chiesa accanto alla Madonna venerata dai misterbianchesi a protezione degli ammalati. E’ prevista una delegazione da Aci Catena, con il comandante della Polizia municipale.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
2/12/2017

tags: