Dal "Piano triennale", confermata una "pioggia" potenziale di investimenti e di opere pubbliche per lo sviluppo di Misterbianco

Versione stampabileVersione stampabile

San Giovanni GalermoLa drammatica emergenza in atto lascia anche spazio alla continuità dell’azione amministrativa locale, con l’apertura di alcune prospettive incoraggianti di ripresa per l'area misterbianchese.

Con un “avviso” del direttore generale ing. Salvatore Fiore, la Ferrovia Circumetnea ha comunicato l’avvio del procedimento di proroga dei termini della “dichiarazione di pubblica utilità”, necessaria per le procedure espropriative, per i lavori della Metropolitana da effettuare dalla Stazione Nesima fino a quella prevista a Misterbianco centro. Un segno della concreta volontà di andare avanti, dopo tanti ritardi forzati. E ci si attende di vedere finalmente presto all'opera anche il "sospirato" cantiere di ricostruzione dell’ex ponte Graci.

Una novità importante negli ultimi giorni. E’ stato approvato dai commissari prefettizi di Misterbianco lo “schema di aggiornamento” del programma delle opere pubbliche, con le relative coperture finanziarie, propedeutico all'approvazione del Bilancio di previsione.

Lo schema conferma significativamente in continuità una serie di importanti opere, anche già programmate nel tempo, nell’arco di un triennio: il completamento del Palatenda, l’adeguamento del campo Toruccio La Piana e la costruzione di un “Palazzetto dello sport”; gli scavi per far riemergere l’antica scalinata, e la creazione e sistemazione degli accessi alla chiesa di Campanarazzu; i servizi di “Smart City” e l’ammodernamento dell’infrastruttura energetica e dell’illuminazione pubblica; la scuola innovativa per l’infanzia a Belsito; la realizzazione del sistema di videosorveglianza; la riqualificazione e il riassetto viario della zona commerciale e la sistemazione di corso Carlo Marx; i marciapiedi lungo la strada per San Giovanni Galermo; il parcheggio scambiatore nell’area a nord di via Municipio, il parcheggio in via Federico di Svevia e quello interrato in via Gramsci per la Metropolitana; la messa in sicurezza dello Stabilimento Monaco; la sistemazione e irreggimentazione del canale “Nunziatella”; la riconversione dell’impianto di compostaggio di contrada Cubba in Centro di raccolta di rifiuti elettrici Raee; lavori di manutenzione, adeguamento e sicurezza nelle scuole, e impianti per l’energia da fonti rinnovabili anche negli edifici comunali; la riqualificazione dell’auditorium Nelson Mandela, dell’Asilo nido e del Centro di aggregazione di Lineri; la realizzazione di nuove strade e l’adeguamento di varie altre arterie di collegamento (tra cui via Erbe Bianche); interventi di ristrutturazione della rete idrica, manutenzione di pozzi e serbatoi comunali; il recupero archeologico dei resti dell’antico acquedotto romano; la ristrutturazione della Biblioteca comunale, ed altro ancora.

Una “pioggia” salutare di investimenti per qualificanti realizzazioni, che - assieme all'avvio del "PUMS" della Città metropolitana per la mobilità sostenibile - potranno significare anche lavoro per le imprese e per tanta gente; guardando con lungimiranza a quello che nel triennio, ma partendo già possibilmente dai prossimi mesi, potrà essere uno straordinario ammodernamento e sviluppo dell’intero territorio comunale.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
26/04/2020

tags: 

Commenti

Qualcuno mi taccerà di essere

Qualcuno mi taccerà di essere antidemocratico, ma io sono convinto che tre sole persone governano meglio di trenta (Sindaco, giunta e consiglio comunale) e forse costano anche meno.

Pinuccio Puglisi

Pagine