Che batosta

Versione stampabileVersione stampabile

ASD Citta' di Misterbianco
La malattia della trasferta continua a nuocere l'ASD Città di Misterbianco che come ogni anno all'inizio del campionato soffre quando è lontano dal suo campo, dal suo pubblico, da casa propria. Un problema che bisogna al più presto curare se si vuole dire la propria durante l'intero campionato. Non basta vincere in casa per essere protagonista, bisogna sapersi imporre anche fuori, in campi ostici, in campi piccoli e grandi, con squadre più fisiche o più tecniche. Insomma bisogna sapersi adattare, capire chi si ha davanti e di conseguenza reagire. Solo così si ottengono grandi risultati! Ma ancora c'è tempo per lavorare ed entrare in questa forma mentis, perchè parliamoci chiaro è tutta questione di "testa".
Forza ragazzi. Forza ASD Città di Misterbianco!!

Una partita, quella di ieri, che non ha visto scendere in campo nessuno dei 12 ragazzi a disposizione di mister Marchese. Una partita iniziata storta e terminata ancora peggio, con un risultato pesantissimo che ha lasciato tutti con l'amaro in bocca e tanti dubbi. Perchè siamo tutti consapevoli che non siamo quelli visti ieri, e allora ci chiediamo: perchè?!

A sbloccare la partita a poco meno di 5 minuti dall'inizio del match ci ha pensato l'Atletico Palagonia su un calcio di punizione poco fuori dall'area di rigore; la palla attraversa la barriera e si insacca alle spalle di Caruso. Il primo errore che ha iniziato a dare indicazioni che la serata non era proprio quella giusta. Successivamente l'ASD Città di Misterbianco ha provato a reagire ma senza impensierire mai gli avversari; mancava la trama di gioco, i ragazzi avevano difficoltà a trovare la profondità e le verticalizzazioni per nuocere la difesa avversaria. Da lì a poco l'uno-due dei padroni di casa hanno messo il risultato sul secco 3 a 0, punteggio con il quale si è andati a riposo dopo il primo tempo. Ancora nulla era perduto, nel calcio a 5 risultati definitivi dopo un tempo non se ne vedono, può succedere di tutto. Ma non siamo riusciti a trovare quella verve che ci poteva mettere nelle condizioni di rimettere tutto in discussione.

La seconda frazione di gara non si differenzia molto dalla prima con i padroni di casa molto più in palla dei nostri ragazzi con pochi tocchi si trovavano davanti alla difesa pronti a concludere a rete. A questo punto la rincorsa al recupero della partita fa saltare schemi, posizioni e fa allargare le maglie permettendo così agli avversari di insinuarsi serenamente; ed infatti dopo pochi minuti altre due reti dell'Atletico Palagonia appesantiscono il passivo portandolo sul 5 a 0. Solo un lampo di reazione si ha con Di Prima che sigla il 5 a 1 provando a riaccendere le speranze ma dopo pochi secondi i padroni di casa ristabiliscono il vantaggio e perfino lo allungano portandosi così sul 7 a 1. Non serve a nulla il secondo goal siglato da Saitta su tiro libero dovuto alla somma di falli. La partita si conclude così col risultato pesantissimo di 7 a 2 a favore dell'Atletico Palagonia. Onore al merito agli avversari che hanno giocato la loro dignitosissima partita approfittando intelligentemente della serata no dei ragazzi di mister Marchese.

Ora è inutile fare omelie o ritornare sugli errori commessi, perchè già martedì c'è l'opportunità di riscattarsi durante il turno infrasettimanale che ci vede nuovamente fuori casa contro il PGS Juvenilia. Altra partita molto delicata contro un avversario ostico che conosciamo bene. Bisogna lavorare duro per non arrivare nuovamente impreparati.

tags: