"Aquila d'argento" 2021: Riconoscimenti alla sanità pubblica, al volontariato e alla solidarietà, e omaggio all'arte e alla cultura

Versione stampabileVersione stampabile

Premiati 2021Dedicata in gran parte all’impagabile lavoro dei sanitari e dei volontari nella pandemia la XX edizione del Premio nazionale “Aquila d’Argento”, organizzato dall’Accademia d’Arte “Etrusca” presieduta dall’infaticabile artista Carmen Arena.

Una sobria ma intensa e suggestiva serata, condotta da Anastasia Distefano e Roberto Fatuzzo al Teatro comunale di Misterbianco - contingentato e nel rispetto delle regole - con la significativa presenza di varie realtà sociali coinvolte e autorevoli ospiti, tra cui il dott. Carmelo Iacobello (direttore Uoc Malattie infettive dell’Ospedale Cannizzaro), in cui sono state consegnate ben 17 “Aquile d’Argento” a persone e realtà distintesi nei vari settori della vita sociale, e in omaggio alla cultura, all’arte e alla solidarietà. Un elegante evento socioculturale, cominciato con l’inno di Mameli e un minuto di silenzio per le vittime del covid, che ha voluto anche essere un forte segno di speranza e della volontà di rinascita e ripresa dell’intera comunità, ribadendo negli attuali sforzi collettivi delle istituzioni anche il messaggio della necessità delle vaccinazioni.

Applauditi destinatari delle statuette: il dott. Giuseppe Liberti (commissario ad acta per l’emergenza covid Area Metropolitana Catania); il dott. Antonino Rapisarda (direttore sanitario dell’Asp di Catania), il dott. Salvatore Caccamo (viceprefetto, commissario straordinario al Comune di Misterbianco); il sac. Giuseppe Raciti (parroco della Chiesa San Nicolò di Misterbianco); il dott. Cristian Fioriglio (biologo e ricercatore); il dott. Rosario Oliveri (pneumologo e allergologo); il dott. Antonino Pisa (dirigente medico Ospedale di Nesima); il dott. Pietro Maugeri (presidente regionale Banco Alimentare Sicilia Onlus); Katia Spadafora (presidente Gruppo Fratres "Gabriella" Misterbianco); Carmelo Barbagallo (coordinatore regionale Usb dei Vigili del fuoco); Francesca Aglieri Rinella (giornalista professionista); il prof Alfonso Restivo (artista); la prof.ssa Bruna Pandolfo (docente e scrittrice); la Fondazione culturale “Monasterium Album” di Misterbianco; Galia Epure (istruttrice di ginnastica ritmica Aretè di Misterbianco e federale); il Maestro Marco Misciagna (docente al conservatorio di Potenza) e il prof Antonino Palumbo (docente d’arte).

Inoltre, sono stati assegnati 5 riconoscimenti speciali: all’emittente “Misterbianco Channel” (il cui video dell’intera serata è disponibile nella sua pagina Facebook), all’attrice Marta Limoli, al docente e scrittore prof. Angelo Battiato, a Giuseppe Coco presidente dell’Associazione “Le Aquile”, e al Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana. Consegnata anche una targa alla memoria di Giovanna Giuffrida, già presidente della Confcommercio di Misterbianco, ritirata dalla figlia Valeria Santonocito. Con momenti culturali a cura di Angelo Battiato e Marta Limoli, e interventi musicali con i bravissimi giovani del Conservatorio Flavio Pennisi (trombone), Antonio Fiorenza (tromba) e Simone Musso (chitarra).

Ospiti della serata, incaricati anche di consegnare alcuni dei premi: la dott. Sara Pettinato, presidente della Commissione consiliare Sanità al Comune di Catania, il colonnello Massimo Lucca (Esercito), il dott. Filippo Cuva, il dott. Riccardo Tomasello, la prof.ssa Antonella Fiorino, la prof.ssa Vera Pulvirenti, Grazia Scavo, Ernesto Calogero, il comandante Giuseppe Biffarella, il capitano Francesco Frazzetta e Franco Manna.

La Sicilia
29/05/2021

IL COMUNICATO DELLA STRUTTURA COVID METROPOLITANA:
«Fiducia, determinazione, gratitudine: sono i sentimenti con cui ricambio il riconoscimento che l'Accademia d'Arte Etrusca mi ha voluto tributare, deciso a continuare lungo questo percorso difficile ma non impossibile. E non più per combattere, bensì battere il virus, appellandomi al buonsenso di ciascuno di noi. Siamo sulla buona strada». Queste le parole di Pino Liberti, commissario ad acta emergenza Covid dell’Area metropolitana di Catania, chiamato sul palco a ricevere il premio “l'Aquila d'Argento” al teatro comunale di Misterbianco.

Per la Sanità pubblica, dunque, premiati impegno, professionalità, dedizione del commissario anti-covid. «Il contributo nella lotta al coronavirus di Pino Liberti, apprezzato infettivologo, è risultato fondamentale. Le competenze mediche, accanto alle scelte strategiche e alle capacità organizzative, ne fanno un riferimento autorevole per tutta l'area etnea, grazie a interventi mirati e al battage della campagna vaccinale, con i numeri importanti registrati fino a qui. «Ho accettato questo incarico come una mission - aggiunge il dott. Liberti - A tratti ci si potrebbe scoraggiare, c'è da far funzionare una macchina complessa e affrontare diffusi e radicati pregiudizi verso l'unica medicina che ci può difendere, il vaccino, ma le sinergie messe in campo, e la volontà nel salvaguardarci e far ripartire la nostra terra, fanno di Catania e la Sicilia realtà virtuose. Ho semplicemente fatto il mio dovere, non credo di meritare premi. C’è chi è andato ben oltre il proprio dovere, medici in corsia, infermieri, operatori sociosanitari, medici di medicina generale; è con loro e con il management delle aziende sanitarie e ospedaliere che voglio condividere questo premio, ringraziandoli con tutto il cuore».

tags: