«Porta a porta» in tutti i 17 Comuni

Versione stampabileVersione stampabile

DifferenziataLa raccolta differenziata svolta da Simeto Ambiente attraverso il servizio porta a porta raggiunge la cifra record di 123.000 utenti. Un traguardo importante per la società d'ambito, che, ieri, ha assicurato il nuovo servizio di raccolta anche nell'ultima parte del territorio comunale di San Gregorio, ossia quella confinante con Tremestieri etneo e Catania.

Da ieri, dunque, l'intero territorio, formato dai 17 Comuni in cui il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti é gestito dall'Ato Ct3, é coperto dalla raccolta differenziata. Una sfida iniziata a marzo 2011 tra mille incertezze. Due anni fa, infatti, soltanto parlare di raccolta differenziata come di un'ipotesi concreta, sarebbe stato quantomeno audace, soprattutto alla luce delle continue emergenze rifiuti che caratterizzarono in negativo quegli anni, oltre al clima di sfiducia da parte degli utenti che ne conseguì.

I primi a sperimentare la novità, ed essere i concreti protagonisti della "rivoluzione verde", furono gli utenti di Belpasso, Camporotondo, Gravina, Misterbianco, Nicolosi, Paternò, Ragalna, Santa Maria di Licodia, San Pietro Clarenza e Tremestieri Etneo, con la raccolta porta a porta, come detto, iniziata su porzioni di territorio. Comuni ai quali seguirono quelli di Adrano, Biancavilla, Motta Sant'Anastasia, Pedara, San Giovanni La Punta, San Gregorio di Catania e Sant'Agata Li Battiati per complessivi 123mila utenti. Ad aumentare il livello di raccolta di risorse differenziabili nel comprensorio hanno contribuito le isole ecologiche che, nel frattempo, sono sorte in undici Comuni, mentre a breve si attendono quelle di S. Maria di Licodia e, successivamente, di Motta S. Anastasia.

Oggi, Simeto Ambiente quasi a conclusione della sua attività - come prevede la legge, la società chiuderà i battenti il prossimo 30 settembre, passando il testimone alla Srr appena costituita - raggiunge il grande obiettivo prefissato due anni fa: garantire la raccolta differenziata in tutto il territorio e superare la media di raccolta del 40%. Un trend positivo confermato anche dalla logica dei numeri. Se nel 2006 il territorio servito da Simeto Ambiente produceva appena il 5,17% di differenziata e nel 2011, all'inizio della fase "porta a porta", il 19,25%, lo scorso anno si é giunti al 32,67%, mentre quest'anno il dato medio complessivo sulla raccolta differenziata (riferito ai primi sei mesi di attività) ha toccato il 43,15%, raggiungendo il dato record a giugno del 46,11%.

In termini ambientali, questo significa una consistente riduzione del rifiuto prodotto da mandare in discarica. Per maggior chiarezza: si è passati da 150mila tonnellate circa di rifiuto prodotto in un anno e smaltito in discarica nel 2010 (qualche mese prima dell'avvio del servizio), scendendo fino a 32mila tonnellate in questo primo semestre del 2013. Numeri confortanti, che fanno ben sperare per la seconda metà dell'anno. Secondo le previsioni, infatti, il 2013 dovrebbe chiudersi con 60mila tonnellate di rifiuto conferito in discarica.

Salvo Spampinato
La Sicilia
23/07/2013

tags: