Nota/2 di Valentina Puglisi portavoce M5S

Versione stampabileVersione stampabile

Valentina PuglisiIl MoVimento 5 Stelle è formato da cittadini che si fanno istituzione. Così ho fatto, nel mio piccolo, a Misterbianco, dove i cittadini mi hanno dato fiducia eleggendomi come consigliere comunale. Ciò mi impone di svolgere al meglio il compito che mi è stato affidato, cosa che sto facendo giorno dopo giorno. Un impegno assiduo, rispetto al quale ho fornito tutte le comunicazioni del caso alla scuola in cui insegno, a Torino, facendo anche in modo che i ragazzi potessero contare sulla continuità didattica.

Purtroppo, però, questa continuità non c’è stata e non per colpa mia. Siccome il mio pensiero e interesse primario va a loro, ai ragazzi e alle loro famiglie, ho deciso di chiedere un’aspettativa, in modo che possano avere ogni garanzia rispetto alla continuità didattica.

La legge tutela la possibilità di tutti i cittadini di concorrere alla vita politica e istituzionale del Paese, quello che la legge non poteva prevedere è la pessima legge del governo Renzi – la cosiddetta “buona scuola” - che ha obbligato migliaia di docenti a scegliere fra il lavoro e la famiglia. Nel mio caso, fra l’attività istituzionale e la scuola.

Chiaramente la situazione sarebbe stata completamente diversa se, come accaduto l’anno scorso, avessi avuto un incarico vicino casa: con una scuola vicina avrei tranquillamente potuto assolvere ai due compiti. Cosa che conto ancora di riuscire a fare nel caso in cui il ricorso che ho mosso dovesse avere esito positivo.
Sono una cittadina prestata alle istituzioni e svolgerò con onore il mio compito.

pagina facebook
Valentina Puglisi portavoce M5S Misterbianco

tags: