Misterbianco, la denuncia di una prof: "Continui furti di auto alla scuola Pitagora"

Versione stampabileVersione stampabile

Furto autoAutomobili rubate e 'cavalli di ritorno' chiesti direttamente ai docenti dell'istituto del Comune etneo. "La situazione è vergognosa, abbiamo più volte denunciato ma non è cambiato nulla. Sono spudorati", racconta una docente.

Automobili rubate e 'cavalli di ritorno' chiesti direttamente ai docenti dell'Istituto comprensivo Pitagora di Misterbianco. Una situazione che andrebbe avanti da anni ma che dall'inizio dell'anno scolastico, a settembre, si sarebbe intensificato fino a diventare 'insopportabile', come spiega una docente a CataniaToday.

"E' una vergogna, noi insegnanti non possiamo neanche parcheggiare la nostra auto nel parcheggio della scuola - spiega la professoressa - La mancata sorveglianza del posto, nonostantele numerose segnalazioni e denunce a tutti gli organi competenti, ha fatto sì che questo meccanismo diventasse sempre più frequente e spudorato. Lunedì scorso l'ennesimo furto alla luce del sole e, questa volta, è toccato a me".

Gli autori dei furti, chiarisce ancora l'insegnante, sono anche arrivati al punto di 'avvicinare' i docenti in pieno giorno e chiedere 'spudoratamente' soldi per restituire il mezzo rubato. Il tipico meccanismo del cavallo di ritorno, tristemente noto all'interno delle cronache locali. "I nostri alunni non farebbero mai una cosa del genere - aggiunge la prof - Credo si tratti di una banda ben organizzata che non ha paura di essere riconosciuta. Molte colleghe sono state contattate da loro stessi per riavere le macchine".

cataniatoday.it
25/01/2019

tags: