Ecco il segreto per una Misterbianco migliore

Versione stampabileVersione stampabile

Daniele Ruggeri

  1. Invito il prossimo sindaco ad amare profondamente Misterbianco, come se stesse amando la propria persona.
    Misterbianco è una comunità, e come tale è composta da famiglie, e le famiglie da persone.
    Quindi, secondo tale principio, fondamentale, il nostro prossimo sindaco dovrà amare le famiglie, quindi le persone! Deve amare tutta Misterbianco.
  2. Universalmente pure a coloro i quali non vogliano dargli il proprio voto, anzi, proprio per tali persone, dovrà dimostrare il meglio, così da manifestare insolita equità, attenzionando maggiormente chi non lo abbia scelto! Perché infatti, cosa ci sarebbe di straordinario nel ricambiare un favore ricevuto? Sarebbe sorprendente, invece, affaticarsi e spendersi per chi non ti sceglie, così soltanto si arriverebbe davvero al bene comune!
    Non desidero un altro sindaco! Desidero un sindaco coraggioso, che ami a prescindere! Questo sì che è fuori dall’ordinario!
    L’essere umano, per natura, anche il più “buono”, siamo onesti, purtroppo tende a prevaricare l’altro. Sarebbe uno sforzo per l’appunto innaturale, ma non per questo non vale la pena provarci! Ci si riesce! Serve soltanto desiderarlo!
  3. Dalle piccole cose, prima l’altro e poi noi, con questa “sinergia” in automatico ne beneficia la comunità intera!
  4. Il Primo Cittadino, il “secondo” cittadino e il terzo, il quarto e così via fino ad arrivare a me che scrivo e a chi legge: spesso non capita che quando si fa un regalo ad una persona  cara, non si veda l’ora che questa lo scarti per vederne il viso “priatu”? Non si è contenti di essere motivo di gioia?
    Il principio è lo stesso! Abbiamo la voglia di fare contento l’altro. “L’altro” nel nostro caso, moltiplicato per 49.367 vuol dire: MISTERBIANCO.
    Sono sulla terra, non aspiro al paese dei balocchi, vorrei solo riflettere e far riflettere. Senza prese di posizioni, senza puntare il dito su “altri” che abbiano fatto o non fatto, oppure, semplicemente  aspettarci qualcosa, come se chi ci governerà non fosse sempre e solo un essere umano, con i propri pregi e limiti. Ma se non cambia il principio del perché si fanno le cose, non cambia nulla. E quest’invito, rivolto principalmente a me stesso, nasce da una sincera speranza.
    Di errori se ne commetteranno sicuramente, pure disattenzioni: ma quanti errori abbiamo commesso verso quella persona cara a cui abbiamo fatto il nostro regalo? Eppure quella persona ci contraccambia col suo “amore”.
  5. Ho fiducia e spero che questo principio possa sussistere! Dobbiamo allargare l’orizzonte e stare attenti anche alle esigenze di chi sta fuori dall’uscio di casa nostra.
    Noi tutti… e il nostro primo cittadino ci sarà da esempio?
Daniele Ruggieri
candidato consiglio comunale
lista Movimento Popolare Misterbianco

[Cfr. Mc.28.31 – Lc. 6.27-35 16.10 – At. 20.35 – 1Cor. 13.13]

tags: