Duello Italia-Kenia

Versione stampabileVersione stampabile

Oggi si presenta la podistica «Maria Ss. degli Ammalati»
La febbre cresce vertiginosamente per la XVI edizione del Trofeo Podistico Internazionale «Maria SS. degli Ammalati» che si disputerà sabato sul circuito cittadino di Misterbianco

Oggi si presenta la podistica «Maria
Ss. degli Ammalati»

La febbre cresce vertiginosamente per la XVI edizione del Trofeo Podistico
Internazionale «Maria SS. degli Ammalati» che si disputerà sabato sul circuito
cittadino di Misterbianco. La manifestazione, organizzata dall'Associazione
Atletica Misterbianco, con il patrocinio del Comune, dell'assessorato comunale
alle Sport e turismo e della Provincia Regionale di Catania, sarà presentata
oggi alle 10,30 al Teatro comunale di Misterbianco.
Gli organizzatori principi della collaudatissima gara, Santo Spina e Santo Baudo,
illustreranno oltre alla «star list» anche le iniziative collaterali che si
svolgeranno a partite da domani. Ovviamente gli occhi sono puntati sul vincitore
della scorsa edizione, il keniano Benson Barus, gli addetti ai lavori
scommettono sul bis del ventunenne atleta di colore.
La gara di Misterbianco è un po' avvolta nel mistero perché non si conoscono gli
atleti italiani di rango che saranno presenti, anche se gli organizzatori hanno
fatto intendere che ci saranno atleti di fama internazionale. Lo scorso anno
qualcuno fu costretto a «disertare» perché i migliori fondisti erano impegnati
alle Olimpiadi, quest'anno, dunque, è prevista battaglia.
La manifestazione, istituita nel '77, ha visto nel corso degli anni le
affermazioni di grandi campioni italiani, anche se nelle ultime edizioni l'hanno
fatta da padrone gli atleti stranieri ed in particolar modo i keniani. Insomma,
sulle strade di Misterbianco, si prevede una sfida a distanza fra Italia e Kenia.
Gli organizzatori non si sbilanciano a 48 ore dal via. «Non vorrei peccare di
presunzione però col passare degli anni il Trofeo Podistico Maria SS. degli
Ammalati - afferma Santo Spina - è cresciuto dal punto di vista qualitativo,
oltre che quantitativo, ne è testimonianza la massiccia iscrizione da parte di
atleti di tutto il mondo. Se ciò avviene è segno che lavoriamo seriamente e con
passione».

Paolo Boccaccio
La Sicilia giovedì 20/09/01

tags: