Dichiarazione del sindaco Nino Di Guardo

Versione stampabileVersione stampabile

Nino Di GuardoDa qualche tempo un certo Ignazio De Luca ha preso a cuore le sorti del nostro comune raccontando una serie di fandonie sotto forma di scoop giornalistici nel vano tentativo di offuscare il prestigio e l’onorabilità mio e di alcuni valenti funzionari comunali. Ma ha sbagliato strada.

Misterbianco, sotto la mia amministrazione, oggi come nel passato, è esempio di legalità, trasparenza e buongoverno, come tutti sanno. Non so chi sia questo signore e cosa lo spinge a insinuare misere illazioni usando squallide battute da bar senza capo ne coda. Forse va solo in cerca di notorietà. Da oltre 40 anni faccio politica e per decenni ho amministrato la mia città da Consigliere comunale, da Assessore e da Sindaco. Non si sforzi, quindi, il non meglio identificato sig. De Luca di raccontare la mia storia perchè è ben nota a tutti i misterbianchesi e non solo.

E poi… almeno si fosse informato prima di scrivere. Avrebbe appreso che il mio vero appellativo è: “Sindaco Massaru” e non “Sindaco sceriffo”!!!

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito

tags: 

Commenti

A questo punto, inviterei il

A questo punto, inviterei il Sign. Sindaco a ribattere con argomenti reali e che provano le falsita' di quello che dice il Sign. De Luca. La smetterei di discutere ogni cosa alla mustarianchisa e la finirei di trattare le persone come se fossero esseri inferiori dinnanzi ad un superuomo. La modestia distingue le persone fattive da quelle boriose anche se queste fossero uomini di buona volonta'.

Enzo Messina

quando ci sono in ballo quasi

quando ci sono in ballo quasi due milioni e mezzo di euro è difficile ammettere di aver sbagliato (mi riferisco ai fatti del 94').

comunque sarebbe interessante ascoltare il sindaco sul merito dei fatti contestati. magari in consiglio... magari invece di "interrogarlo" sulle fontanelle...

Pietro Santagati

Caro Pietro il Sindaco non ti

Caro Pietro il Sindaco non ti risponderà mai, perchè non ha motivo di farlo, è palese che quella delibera adottata di cui parla Ignazio è illeggittima, può capitare, siamo essere umani, si può anche sbagliare, ma non lo ammetterà mai, speriamo solo che in futuro non succedano altri casi simili.

Pasqualino Longo

Pagine