Depredata piazza Monasterium Album

Versione stampabileVersione stampabile

Piazza Monasterium Albumda lasicilia.it
Una vera e propria azione di vandalismo
è stata portata a termine da ignoti
durante la notte in piazza Monasterium
Album
, una piazzetta del centro urbano,
all'incrocio tra le vie dei Vespri e Galimberti,
dedicata al vecchio comune distrutto
dall'eruzione del marzo 1669 e
abbellita da un grande pannello in cotto
che raffigura l'antico casale e una fontana
che rievoca il fiume Amenano.
Senza un minimo di rispetto per il bene
pubblico, alcuni vandali, probabilmente
più di uno e attrezzati di leve in
ferro, hanno divelto i tre sedili in ghisa e
ferro che erano installati sul pavimento
della piazza che si affaccia su via Duccio
Galimberti
, rompendo anche i piedistallo
in ghisa che sostenevano i sedili.

Una azione compiuta proprio con l'intento
di creare solamente del danno dal
momento che i vandali non hanno lasciato
in giro scritte per rivendicare l'azione
o volantini che ne motivassero il
gesto che di per se è deprecabile. Probabilmente
una bravata di un gruppo di
giovinastri che ha scommesso sulla fattibilità
dell'azione, senza rendersi conto
del danno creato, rischiando di grosso se
per caso fossero stati intercettati da una
pattuglia delle forze dell'ordine.Ad accorgersene ieri mattina è stato il
sindaco Ninella Caruso che subito ha
chiamato la squadra di manutentori del
Comune per rimuovere i sedili che sono
stati resi inservibili e che lasciati sulla
piazza potevano essere fonte di pericolo
soprattutto per i più piccoli.

"Non avere rispetto del bene pubblico
è una azione delinquenziale
- ha esordito
il sindaco Caruso - che dà la misura del
grado di inciviltà di alcune persone e
del mancato rispetto verso gli altri che
utilizzano la piazza come punto di ritrovo
trascorrendo un po' del loro tempo libero.
Purtroppo azioni di questo genere
sono sempre più frequenti come quelli
portati a termine contro il laboratorio di
città a Lineri o nei parchi pubblici di
quartiere dove sono stati divelte tettoie
e strutture di gioco e svago per i più piccoli".

Sull'accaduto domani gli uffici comunali
presenteranno denuncia contro
ignoti ma il sindaco auspica maggiore
sorveglianza non solo delle forze dell'ordine
ma anche degli stessi cittadini,
dal momento che sembra assurdo che
sia stato possibile portare a termine un
simile raid senza che nessuno che risiede
nelle abitazioni adiacenti si sia accorto
di quanto stava accadendo.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

tags: