Commissione d'inchiesta sopralluoghi e audizioni

Versione stampabileVersione stampabile

Discarica TiritìComincia oggi, cioè un giorno dopo rispetto al programma iniziale, la "Missione di approfondimento sulla Sicilia" della Commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sulle attività connesse al ciclo dei rifiuti e sui reati ambientali (cd "Ecomafie").

Contattiamo il vicepresidente della Commissione, on. Stefano Vignaroli, romano, 38 anni, nato e vissuto vicino alla discarica di Malagrotta. Nominato "personaggio ambiente 2014" da una votazione popolare, eletto alla Camera nel M5S nel 2013, ha sposato la causa ambientale come "bene comune e stile di vita". «La Sicilia - ci dice l'on. Vignaroli - è una terra meravigliosa, ma purtroppo sono tante le carenze note, con fenomeni da reprimere. Sui rifiuti non si è affatto investito ad esempio su impiantistica e progettazione. Ma noi non possiamo sovrapporci alla magistratura ed alle forze dell'ordine, di fronte a inettitudini ed altri comportamenti che fanno clamore. Il nostro lavoro è di acquisizione, informazione ed elaborazione, da tradurre in un paio di mesi al Parlamento. Possiamo essere uno strumento di vigilanza e monitoraggio, di stimolo e pressione, ed essere utili dando indicazioni, segnalazioni e proposte. Ma su ciò che rileveremo in Sicilia, chiederemo conto a tutti gli organi competenti».

Arrivato anche il presidente della Commissione on. Alessandro Bratti del Pd, ferrarese, 57 anni, ex direttore generale dell'Arpa Emilia Romagna, un esperto che era già stato a Misterbianco qualche anno fa in occasione di una Festa dell'Unità e che ama esplicitamente mettere "l'ambiente al centro". A Catania anche gli altri componenti della delegazione, i deputati Dorina Bianchi (Ndc-Udc), Stella Bianchi (Pd) e Renata Polverini (Fi) ed i senatori Giuseppe Compagnone (Grande Sud), Pamela Orrù (Pd) Bartolomeo Pepe (Misto) e Laura Puppato (Pd).

È previsto per domani mattina il sopralluogo alle discariche di Valanghe d'Inverno e di Grotte San Giorgio, oggi destinatarie di oltre la metà dei rifiuti siciliani. Confermata l'audizione dei Comitati "No discarica" di Misterbianco e Motta per venerdì mattina alle 9 in Prefettura.

I lavori della Commissione d'inchiesta prevedono audizioni con prefetti, questori, procuratori e sostituti procuratori della Repubblica di Catania, Siracusa, Messina, Enna, Ragusa, Agrigento e Caltanissetta; con i comandanti regionali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale; con i comandanti del Noe di Catania e Palermo; con il comandante del porto e il direttore dell'Agenzia delle Dogane di Catania; con la commissione di verifica sulle discariche private, con l'Agenzia Arpa Sicilia e con le Associazioni ambientaliste.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
11/03/2015

tags: