Catania: Favori sessuali per un aiuto agli esami

Versione stampabileVersione stampabile

Università di Cataniada siciliainformazioni.com
La Procura di Catania ha aperto un fascicolo dopo la denuncia presentata da una studentessa universitaria che ha accusato un docente di Economia, il prof. Elio Rossitto, di aver chiesto 'favori sessuali' in cambio di un 'aiuto' agli esami. L'inchiesta è conoscitiva e allo stato è ancora senza ipotesi di reato.

Sulla vicenda è stata aperta anche un'inchiesta interna dal Senato accademico, disposta dal rettore Antonino Recca.
Rossitto, che è docente anche dell'università di Kore di Enna e che in passato è stato sindaco di Cassaro e consulente di più presidenti della Regione e imputato poi non condannato in un inchiesta su tangenti a Catania, avrebbe accompagnato una studentessa in un albergo della città e all'uscita sarebbe stato ripreso da una troupe televisiva - la quale ha detto di essere della redazione de Le Iene - che non ha mandato in onda alcun servizio sulla vicenda.

Il prof. Rossito in un'intervista al quotidiano La Sicilia di Catania afferma di "essere caduto in una trappola, un po' da cretino e un po' da maschilista" e nega di avere avuto rapporti con la studentessa: "siamo rimasti in camera - sostiene - non più di quattro minuti".

Intanto, l'università di Catania ha formalmente avviato la "contestazione degli addebiti" al professor Rossitto. Il docente ha 20 giorni di tempo per presentare le sue deduzioni. "Alla luce delle notizie di cronaca e dalle dichiarazioni riportate dagli organi di stampa e, in particolare, dal quotidiano La Sicilia di oggi - si legge in comunicato diffuso dall'ateneo - l'amministrazione dell'università di Catania ha provveduto ad avviare la contestazione degli addebiti nei confronti del prof. Elio Rossitto, docente della facoltà di Scienze politiche, al quale sono stati concessi venti giorni di tempo perché rappresenti le sue deduzioni. Questo permetterà, subito dopo, di trasmettere la pratica al Consiglio universitario nazionale per i provvedimenti conseguenti".

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

tags: