Ato3: Domani la nomina dell’amministratore

Versione stampabileVersione stampabile

Simeto Ambienteda lasicilia.it
Si conclude il periodo di vacatio. Domani
mattina l’assemblea dei sindaci dei
18 Comuni serviti da Simeto-Ambiente
e il presidente della Provincia dovrà
modificare lo statuto della società per
poi nominare l’amministratore unico
dell’Ato Ct 3, con il compito di traghettare
la società fino all’approvazione
della legge regionale.
Il nome dell’amministratore pare sia
già stato deciso, ma al momento sulla
sua identità non trapela nulla. Si tratterebbe
di un professionista del settore
cui verrà assegnato anche il non facile
compito di seguire questo delicato momento,
dove Simeto-Ambiente e Consorzio
Simco sono ormai ai ferri corti.

Uno l’argomento che divide: le «decurtazioni
» che Simeto-Ambiente chiede
che vengano applicate e che il Consorzio,
invece, respinge. Da una parte,
dunque, la società Ato chiede la sottrazione
di circa 15 milioni di euro, sui 19
milioni e 200 mila euro che il Consorzio
vanta come credito; dall’altra, il Consorzio
respinge con forza le richieste di
decurtazione ed evidenzia il fatto che
«se non tutti i servizi in questi ultimi
mesi sono stati espletati la colpa è di Simeto-
Ambiente, che non ha posto il
Consorzio nelle condizioni di farlo».

E sembra che le richieste di decurtazione
di somme non siano finite. Simeto
Ambiente avrebbe, infatti, già chiesto
al Consorzio nuove sottrazioni di somme
al canone mensile per il periodo
che va da gennaio a marzo, quando si
sono registrate nuove giornate di sciopero,
con il servizio rimasto sospeso.
Intanto, ieri mattina Simeto-Ambiente
ha comunicato ufficialmente la
rescissione del contratto al Consorzio.
Ed è sempre di ieri la notizia che la Regione
siciliana sembra intenzionata a
commissariare tutti gli Ato dell’Isola.
Infine, in una nota la Federcontribuenti
di Mascalucia invita il presidente
del Consiglio comunale e l’amministrazione
comunale a rappresentare,
in occasione dell’assemblea dell’Ato,
anche la proposta delle associazioni
cittadine, con la quale si mira a definire
un protocollo d’intesa tra il Comune
di Masscalucia e l’Ato 3 in modo da addivenire
«a una conciliazione per le illegittime
bollette emesse dalla Simeto-
Ambiente negli anni 2004-2007».

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

tags: