25 Aprile 2017 72° anniversario festa della Liberazione il Sindaco conferirà la cittadinanza onoraria ad Alfredo Petrini

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoCOMUNICATO STAMPA del 21 aprile 2017
In occasione del 72° anniversario della festa della Liberazione il sindaco Di Guardo alle ore 11,00 dopo la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai caduti di tutte le guerre in piazza Mazzini conferirà nella sala matrimoni del Palazzo del Senato, sede storica del Comune, la cittadinanza onoraria al sig. Alfredo Petrini di Narni in provincia di Terni.

Un conferimento già annunciato dal sindaco Di Guardo lo scorso febbraio nel corso della cerimonia di commemorazione del partigiano Orazio Costorella in seguito a trascorse richieste di cittadini e dell’associazione “Attiva Misterbianco” che in quell’occasione ne aveva fatto esplicita richiesta.

Alfredo Petrini, 83 anni, aveva conosciuto Orazio Costorella nel corso della guerra di liberazione prima che fosse trucidato dalle forze nazifasciste a Poggio di Otricoli, dopo un processo sommario.
Un ricordo che aveva portato con se per tanti anni e seppur nella piccola frazione la piazzetta porta ancora oggi il nome di Orazio Costorella, nessuno, conosceva la sua reale provenienza, se non il fatto che fosse siciliano.
Petrini con l’avvento di internet si mise alla ricerca, scoprì la sua origine e contattò il comune di Misterbianco rintracciando i familiari. Riportò alla luce anche il luogo della sepoltura, sconosciuta agli stessi familiari e riportò alla luce, raccogliendo le testimonianze di coloro che avevano assistito ai tragici fatti, l’atto eroico di questo concittadino che per non svelare il nascondiglio dei suoi compagni di lotta partigiana, sacrificò la sua giovane esistenza.
L’allora sindaco Ninella Caruso a fronte della documentazione raccolta dal Petrini a nome della comunità fece istanza al Presidente della Repubblica per la concessione della Medaglia d’Oro alla memoria, riconoscimento che fu conferito nel 2006 ai familiari dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi nel corso di una cerimonia tenutasi nel cortile d’onore del Quirinale in occasione della ricorrenza del 25 aprile di quell’anno.

Il sindaco Nino Di Guardo con propria determinazione, ricostruendo l’azione del Petrini in tutti questi anni, che ha portato al riconoscimento dell’atto eroico di un proprio concittadino ha deciso per il conferimento della cittadinanza onoraria che costituisce la più alta manifestazione di apprezzamento di una comunità nei confronti di persone che si sono distinte per l’attività svolta o per singole azioni particolarmente significative.

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito

tags: