Un milione di euro per i lavori di adeguamento dell’immobile che ospiterà la Tenenza dei Carabinieri Di Guardo: “Rafforzare la presenza dei Carabinieri serve alla sicurezza ed alla legalità del territorio”

Versione stampabileVersione stampabile

Comune di MisterbiancoCOMUNICATO STAMPA del 09 gennaio 2015
“Esprimo il mio compiacimento per la firma del decreto che sblocca finalmente i fondi per i lavori di adeguamento della caserma dei carabinieri di Misterbianco”.

Così il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo commenta la notizia giunta oggi via e mail al comune di Misterbianco con la quale il sottosegretario alla Politiche agricole Giuseppe Castiglione dava notizia delle firma del decreto da parte del ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi, in attuazione all’art. 3 comma 3 DL133/2014, meglio conosciuto come “Sblocca Italia” per finanziare i lavori della nuova caserma dei Carabinieri per un milione di euro.

I carabinieri da sempre nel centro etneo si trovano in locali in affitto, anche da quando nel 2001 la stazione fu trasformata in Tenenza. Nello scorso decennio in seguito alla requisizione di un immobile a più piani confiscato dallo Stato ed a disposizione del Demanio, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica decise di destinare l’immobile, su cui il comune aveva anche avanzato una proposta di utilizzo ai fini sociali, per ospitare la recente costituzione della Tenenza con i rispettivi alloggi del personale ed i garages.

I lavori adeguamento, benché il progetto fosse stato predisposto, purtroppo non ebbero mai inizio in seguito al restringimento della spesa pubblica. “Dotare i carabinieri di locali idonei e di una proprietà pubblica – ha commentato il sindaco Di Guardo – serve a rafforzare una presenza sul territorio a salvaguardia della sicurezza e della legalità oltre che far risparmiare le casse del nostro Comune e dello Stato.”
L’immobile a cinque piani fuori terra si trova all’angolo tra le vie S. Nicolò e Antonino Giuffrida nella zona Toscano.

Ufficio stampa
Carmelo Santonocito

tags: