Riceviamo e pubblichiamo

Versione stampabileVersione stampabile

LetteraStasera ho tentato di contattare telefonicamente il sindaco Nino DI Guardo, ma invano, pertanto utilizzo la stessa Piazza (FACEBOOK) per porgere pubblicamente le mie scuse per l'espressione infelice utilizzata in un precedente post, il cui significato è stato frainteso. Rimango estraneo a qualsiasi vicenda di natura politica ed elettorale. Rinnovo ancora le mie scuse e confido in una risoluzione pacifica della vicenda.

Pasqualino Longo

tags: