Rapinatore «pendolare» è tornato in manette

Versione stampabileVersione stampabile

In manetteda lasicilia.it
Un rapinatore “pendolare” è stato arrestato dai carabinieri della locale Tenenza per scontare la pena inflittagli dal tribunale a seguito di una rapina compiuta a Imola lo scorso anno. Mario Favazza, 25 anni, pregiudicato, aveva pensato di compiere gli atti delittuosi fuori dalla Sicilia in modo da non essere individuato dalle forze dell’ordine ed agire così indisturbato senza correre il pericolo di essere subito riconosciuto.

Quella volta però gli andò male e venne arrestato dagli investigatori proprio in seguito ad una rapina, ma scaduti i termini della carcerazione preventiva, il giovane ritornò in libertà dedicandosi nuovamente ad azioni delinquenziali. Esaurita la fase giudiziale e passata la sentenza ingiudicata, il giovane doveva scontare la parte della pena rimanente di un anno e tre mesi e la magistratura ha emesso il nuovo ordine di arresto in carcere. L’uomo nel contempo aveva continuato a delinquere e si trovava già agli arresti domiciliari in seguito al compimento di altri reati legati al mondo della droga.

I carabinieri della Tenenza pertanto lo hanno arrestato all’interno della propria abitazione ed espletate le formalità di rito, hanno dato esecuzione alla sentenza del giudice trasferendo il Favazza presso la casa circondariale di piazza Lanza a Catania.

 

 


LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 

 

tags: