RANDAGISMO: COMUNE SPENDE 120 MILA EURO ALL'ANNO PER IL RICOVERO DEI CANI

Versione stampabileVersione stampabile

COMUNICATO STAMPA del 27 marzo 2009

Per ricoverare circa 80 cani randagi in una struttura convenzionata il comune di Misterbianco spende 120mila euro l’anno. La convenzione è stata stipulata nel 2008, tra il comune e una delle associazioni animaliste iscritte all’albo regionale che gestiscono i rifugi privati per cani. Previsto oltre al ricovero giornaliero, le cure veterinarie anche per eventuali cuccioli e l’applicazione del microchip di identificazione. Il comune provvede solo su segnalazione scritta dei cittadini a informare il consorzio che si occupa di accalappiare i cani e di mantenerli in custodia.

«L’appello che lancio ai cittadini – ha detto il sindaco di Misterbianco Ninella Caruso – è di avere cura e rispetto degli animali, non abbandonandoli per strada. È questo il primo segno di civiltà nel rispetto dell’ambiente e dei cittadini e per prevenire il triste fenomeno del randagismo venuto alla ribalta in seguito ai recenti fatti di cronaca».

La presenza dei cani randagi sul territorio di Misterbianco è tenuta sotto controllo dal settore Ecologia sempre in contatto con il consorzio convenzionato.

«Sulla questione dei randagi – ha detto l’assessore all’Ecologia Franco Galasso – il comune si è subito adeguato alla legge regionale 15 del 2000 e alle altre normative regionali. Interventi preventivi garantiscono la salvaguardia degli animali e la tutela dei cittadini».

fonte: ufficio stampa

ufficio.stampa@comunedimisterbianco.it

info: natale bruno 348.3232258 - 095.7556207

tags: