A Misterbianco vince l'ipocrisia

Versione stampabileVersione stampabile

Oggi mi sono vergognato di essere misterbianchese.
Alle 7,30 hanno sparato i primi fuochi d'artificio, poi alle 8,30 musica e fuochi per l'uscita delle varette.

Alle 9,30 Marina è stata consegnata ai suoi cari... una famiglia, misterbianchese, è stata distrutta dal dolore di una violenza cieca, ma in paese la FESTA continua, la FESTA non si ferma davanti a niente.

In un paese civile per simili tragedie il giorno del funerale si proclamerebbe lutto cittadino: almeno durante le ore del funerale era troppo chiedere che la FESTA si fermasse?
Sì, mi sono vergognato di essere misterbianchese: una comunità deve essere unita anche nel rispetto del dolore.

Natale Puglisi

tags: 

Commenti

Dieci minuti fa, prima di

Dieci minuti fa, prima di aprire questo post, discutevo con mio figlio circa l'atteggiamento assunto dalle autorità locali nei confronti del delitto avvenuto alcuni giorni fa e quello di circa due anni addietro... allora fu proclamato il lutto cittadino ed ora perchè non è stato fatto? S.Antonio avrebbe sicuramente perdonato una breve sospensione dei festeggiamenti.

Turi Palmeri

Pagine