Matteo Marchese si dimette dal Consiglio comunale, gli subentra Anna Giuffrida

Versione stampabileVersione stampabile

Anna GiuffridaNon è proprio un “fulmine a ciel sereno”, ma indubbiamente una novità di rilievo sulla scena politica locale. Matteo Marchese, capogruppo di “Sicilia Futura” al Consiglio comunale di Misterbianco, ha protocollato le proprie dimissioni dal Senato cittadino. Eletto alle amministrative del maggio 2017 con ben 585 voti, nominato assessore il 30 giugno, e poi vicesindaco dal 23 novembre 2018 dopo le dimissioni di Carmelo Santapaola, ma rimasto finora anche consigliere comunale, Marchese fa sapere di voler «dare giustamente spazio» fin dalla prossima settimana.

Al consigliere dimissionario, che mantiene ovviamente gli incarichi di vicesindaco e assessore, subentrerà in Consiglio la sig.ra Anna Giuffrida, libera professionista, prima dei non eletti nel 2017 nella stessa lista “Sicilia Futura” con 116 voti. Si attende ora la convocazione del Consiglio comunale per la formalizzazione delle dimissioni e del subentro. La Giuffrida viene così ad affiancare in aula, sugli scranni di maggioranza, i consiglieri Nunzio Santonocito e Domenico Caruso.

«La nostra lista - precisa Marchese - è nata grazie all' impegno di 24 candidati. Da subito abbiamo deciso che avremmo dato spazio politico nel quinquennio oltre ai consiglieri eletti anche ad altri candidati. Le elezioni provinciali di 2° livello erano il primo momento già stabilito per un avvicendamento nelle responsabilità; appreso dell'ennesimo rinvio delle elezioni provinciali deciso dalla Regione, ho subito deciso di dimettermi per dare l'opportunità alla prima dei non eletti di subentrare in Consiglio comunale. Certi delle sue capacità, le auguriamo un buon servizio alla comunità di Misterbianco». «In politica - afferma la Giuffrida - c’è ancora chi sceglie di camminare in gruppo, decidere insieme e rispettare la parola data. Ringrazio tutti gli amici per l’opportunità che mi viene offerta. Affronterò al meglio col mio gruppo le nuove responsabilità».

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
09/06/2019

tags: