La nuova vita del Palatenda, che diventa Palazzetto dello Sport

Versione stampabileVersione stampabile

Nuovo PalatendaDopo oltre un ventennio, sta rinascendo modernamente a nuova vita il “Palatenda” di via San Rocco Vecchio a Misterbianco, già a lungo uno dei luoghi di riferimento della comunità sportiva locale, che aveva progressivamente mostrato i propri limiti oggettivi rispetto al periodo iniziale dell’opera a metà degli anni ’90.

Proseguono infatti i lavori di “ristrutturazione e ampliamento, con l'inserimento di tribune”, della struttura polivalente che per anni ha consentito la pratica sportiva a tanti sodalizi e che ora viene completamente rifatta e “rivalutata”, non solo nel “look”, in quanto consolidata nella concezione e messa in condizione di ospitare anche gare di campionato con l’afflusso regolare di pubblico. I locali erano stati consegnati a luglio scorso all’impresa che si è aggiudicata i lavori.

Il progetto definitivo dell’intervento era stato deliberato dalla scorsa Giunta municipale l’1dicembre 2017, per un importo complessivo di 800 mila euro, di cui 648.866 per lavori (e oneri di sicurezza) e 151.133 per “somme a disposizione dell’Amministrazione”. Un intervento finanziato per l'intero importo con la contrazione di un prestito agevolato (senza interessi) con l’Istituto per il Credito Sportivo, nell’ambito del Protocollo d’intesa Anci-Ics (Iniziativa Sport Missione Comune 2017), e nello stesso dicembre 2017 si era provveduto a impegnare la relativa spesa. La relativa procedura “negoziata” di gara per l’appalto dei lavori, ai sensi del d. lgs. n.50 del 2016, è stata espletata dalla Centrale Unica di Committenza (C.U.C.) con capofila Paternò, cui il Comune di Misterbianco ha aderito fin dal novembre 2016.

Accresciute nel tempo le esigenze e le necessità di adeguamento della struttura, per l’innovativo Palatenda erano stati previsti una nuova copertura in legno massello, con la sostituzione integrale dell’originario telone risalente al 1996 (soggetto a vari atti vandalici, anche recenti), l'ampliamento del campo di gioco in parquet alle dimensioni regolamentari e la costruzione di una tribunetta con una capacità di ospitare 250 spettatori; tanto da farne insomma un moderno e civettuolo “Palazzetto dello Sport”. Il rifacimento della struttura era già stato inserito nel “Piano triennale delle opere pubbliche” approvato dall’amministrazione poi deposta (nel suo ultimo aggiornamento, con un elenco di 69 opere per complessivi 144 milioni di euro).

L’amministrazione nel frattempo aveva in progetto anche un’intelligente operazione di “riciclo” e “raddoppio” del vecchio Palatenda ora demolito, in un’ottica di “non spreco”, con il possibile riutilizzo e collocamento di parte della struttura di base preesistente e ritenuta salvabile (previa verifica delle condizioni dei materiali) all’interno dell’Istituto comprensivo “Don Milani” di Lineri, al servizio degli alunni della scuola e delle associazioni sportive delle frazioni.

Insomma, indubbi passi avanti in prospettiva per lo sport misterbianchese e i tanti praticanti, giovani in primo luogo. Un “percorso” da completare con il previsto rifacimento in erba sintetica del terreno di gioco del campo “Valentino Mazzola” (già finanziato pure per 800 mila euro col Credito Sportivo, e in atto bloccato per un ricorso) e il necessario adeguamento del vecchio “Toruccio La Piana”. Non solo calcio, ma anche pallavolo, basket, badminton, ginnastica, atletica e altre pratiche di sport e aggregazione possono avere un futuro, con una lungimirante progettualità e i vari fondi utilizzabili.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
01/12/2019

tags: