Fugge e travolge un carabiniere

Versione stampabileVersione stampabile

Blocco CarabinieriUn giovane di 19 anni, incensurato, a bordo di una moto di grossa cilindrata non si è fermato a un posto di blocco e ha travolge il carabiniere che gli aveva segnalato l'alt.

E' accaduto a Natale a Misterbianco, quando nel tardo pomeriggio una pattuglia del Battaglione Sicilia impegnata nell'operazione «Trinacria» con il supporto dei carabinieri della locale Tenenza, eseguiva controlli sull'ex strada provinciale che collega Misterbianco con S. Giovanni Galermo. All'altezza di via Emilia Romagna, nel quartiere di Serra, la pattuglia aveva iniziato una serie di controlli sui mezzi in transito quando è giunta una moto Bmw di grossa cilindrata il cui guidatore era senza casco.

Il carabiniere di servizio, un militare di 32 anni, ha alzato la paletta dell'alt e il motociclista vedendola da lontano rallenta fino quasi a fermarsi. Giunto all'altezza del carabiniere, però ha ingranato subito la marcia per ripartire a gran velocità, trascinandosi per circa venti metri il militare che gli era in quel momento a fianco per il controllo dei documenti.
Subito è scattato l'allarme e i due commilitoni di supporto alla pattuglia prima hanno soccorso il militare a terra poi trasportato al pronto soccorso dell'ospedale San Salvatore di Paternò dove i medici hanno riscontrato numerose lesioni ma tutte guaribili in trenta giorni.

Intanto i carabinieri verificato il numero di targa in tarda serata hanno rintracciato il giovane alla guida del mezzo, il quale dal successivo controllo dei documenti risultava sprovvisto della patente per una moto di grossa cilindrata di 900 cc e della relativa copertura assicurativa.
Probabilmente la mancanza della patente e dell'assicurazione, che avrebbe portato i militari al sequestro del mezzo, hanno spinto il giovane a cogliere di sorpresa i carabinieri in modo da far perdere le tracce ed evitare il sequestro del mezzo, le sanzioni amministrative e la relativa multa.

Adesso invece è stato denunciato a piede libero e dovrà rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi al carabiniere in servizio.

Carmelo Santonocito
La Sicilia
27/12/2014

tags: