BAMBINI DI CHERNOBYL OSPITI COMUNE DI MISTERBIANCO

Versione stampabileVersione stampabile

Per il decimo anno consecutivo il comune di Misterbianco ospita i bambini di Chernobyl, nell’ambito di un progetto di soggiorni di risanamento che fa parte di una grande campagna umanitaria nei confronti dei giovani ucraini e bielorussi, avviata tempo fa e condivisa da enti pubblici e associazioni non profit.

Lunedi’ sera novantanove ragazzini di età compresa tra i sette e i diciassette anni, sono arrivati all’aeroporto Fontanarossa di Catania con un volo charter proveniente da Kiev. Ad accoglierli altrettante famiglie di tutta la provincia etnea: saranno loro ad ospitare i piccoli per una vacanza che si protrarrà sino al 28 agosto. Il gruppo del quale fanno parte anche otto accompagnatori si è trasferito al palatenda di Misterbianco dove ad accoglierlo vi erano il sindaco di Misterbianco Ninella Caruso e l’assessore ai Servizi sociali Eduardo Carlo Guarnaccia.

«Siamo orgogliosi – ha spiegato il sindaco Ninella Caruso – di essere il comune capofila di questo progetto umanitario giunto al decimo anno. Un ringraziamento particolare va alle famiglie che con il tempo sono divenute sempre più numerose e dimostrano grande sensibilità verso i ragazzini di Chernobyl».

Il gruppo più numeroso composto da ventidue ragazzi è rimasto a Misterbianco: saranno altrettante famiglie ad ospitare i bambini. Un altro gruppo, anche questo nutrito, si è trasferito a Catania (ventisette). All’ospitalità partecipano anche i comuni di San Giovanni la Punta (nove), San Gregorio (sette), Acireale e Mascalcia (cinque), Valverde (quattro), Aci Sant’Antonio, Gravina di Catania, Pedara e Sant’Agata Li Battiati (tre), Mascali, Tremestieri e Motta Sant’Anastasia (due), Giarre, Riposto, Nicolosi, San Pietro Clarenza, Belpasso, Zafferana (uno).

tags: